Sex belle femme stella indépendante paris

sex belle femme stella indépendante paris

Roscoff, le 7 septembre Monsieur, Je vous réponds d'un coin de la Bretagne, où je suis alle passer quelque temps sur le bord de la mer, après avoir été malade pendant le mois de juillet. Wyruoboff numero de mai-juin. Malheureusement pour nous, notre Revue ne va pas a Naples, et cette publication a passe inapercue de vous. J'aurais le plus vif désir de visiter votre beau pays et votre ville célèbre; mais ma situation ne m'a jamais permis et ne me permei pas davantage présentement le luxe d'un voyage d'Italie.

Du moins recevez mon adhésion a votre réunion de libres penseurs, et pubbliez cette adhésion, si vous jugez que ce soit de quelque utilité. Paris, le 25 septembre Je ne pourrai aller a Naples: Trouvez bon que j'y joigne ma réponse, où j'ai exprimé tous mes sentiments pour la grande et chère Italie. Je vous serre la main cordialement. L'appel de la libre Italie, de Naples contre Rome, me touche fort, monsieur.

Je serais trop heureux de siéger avec vous au vrai concile qui va juger le faux. Votre glorieuse ville, qui si obstinément a repoussé l'Inquisition, avait le plus beau titre pour recevoir le haut jury du droit, de la libre pensée.

Je suis votre dés ma jeunesse. Mon seul maitre fut le grand Vico, l'emancipateur de l'histoire, le jurisconsulte profond. L'enorme amphithéàtre de Naples et du Vésuve serait insuffisant pour tant d'accusateurs. Toutes les nations pourraient venir dénoncer cette ligue qui perpètue les maux, éternise la servitude, le tyran-prétre étouffant l'homme, et le livrant au tyran-roi. Les morts mémes y viendraient, tous les ressuscités.

Jean Huss a reparu cette année méme, hier, plus vivant que jamais, immense entre deux mondes, le Slave et l'Allemand, acclamé par cent millions d'hommes Un fauteuil a Jean Huss dans notre concile, je vous prie, un a Luther, un autre a Galilée, un au défenseur des Calas.

A eux la présidence et aux dignes jurisconsultes qui, devant le triomphe si long de l'arbitraire, sont restés immuables sur le roc éternel du Droit. Quand tant de questions si graves nous attendent, ce serait pitie de les suivre, ces vieux enfants, dans leurs vains radotages. Laissez là vos Immaculées, le sacre coeur, le sacre sang C'est cette mer sanglante qui monte vers le ciel, et qui crie toujours contre vous.

Ricciardi, Deputé au parlement d'Italie. MICHELET Le due seguenti lettere mi venivano scritte dall'Achille dei liberi pensatori francesi, da quel Morin più conosciuto forse sotto il nome di Miron il quale pubblicava parecchie opere insigni, intese tutte a combattere la superstizione.

Paris, le 22 décembre Cher monsieur, J'avais beaucoup entendu parler de vous, comme d'un des plus vaillants champions de la démocratie et du rationalisme, comme d'un adversaire redoutable de toutes les tyrannies.

Aussi suis-je charmé de l'occasion que vous me fournissez, par votre aimable lettre du 18 de ce mois, d'entrer en relation avec vous. Notre but et nos principes sont les mèmes, et je dois vous déclarer que j'ai applaudi de tout coeur a votre congrès philosophique de Naples. Je suis persuade qu'il rendra les plus grands services a notre cause qui est celle de la vérité et de la liberté. Je serais heureuxde pouvoiry prendre part.

Je regrette bien l'ètre dans l'impossibilité de faire ce voyage. Veuillez du moins me considerar comme adhérant. Je ferai tous mes efforts pour amener des souscriptions. J'ai entendu dire que plusieurs libres penseur de Paris comptaient se cotiser pour payer les frais de voyage des délégués qu'ils y enverraient. Je vais maintenant vous exposer franchement les points sur le quel je diffère d'opinion avec vous, tout en étant d'accord sur l'idèe fondamentale.

Je repousse et J. Peut-étre il n'est pas opportun, en Italie, de dire tout haut ce que vant le christianisme: Seulement, je ne partage pas vos craintes sur les dangers venant du Concile. C'est une question d'apprécialion, par voire de conjecture. Je crois pouvoir predire ce que fera le concile dont les actes n'exciteront que la risée des hommes de bonsens. Ils rabàcheront l'encyclique, décerneront au Pape un brevet d'infaillibilité, et décideront que la Vierge Marie est au ciel en corps et en àme.

Il n'y a là rien de bien redoutable. Au contraire, plus ces gens-la se rendront ridicules, mieux ils feront nos affaires. Il est a craindre que vous n'ayez, a ce sujet, des débats irritants, et qui n'aboutiront a aucune solution. Nos ennemis nous accuseront d'impuissance. J'aurai préféré qu'on restàt sur le terrain philosophique et religieux. Autant que vous, je déteste la papauté, aussi bien temporelle que spirituelle. Agréez, cher Monsieur, l'assurance de haute estime et de cordiale sympathie.

Paris, le 15 novembre, Cher Monsieur II s'est tenu, comme vous savez, a Paris, plusieurs séances ayant pour but d'envoyer des délégués au congrès de Naples. Je n'ai été appelé qu'à la dernière qui s'est tenu samedi dernier. La besogue était faite, puisqu'on avait précedemment nommé les délégués et arrèté le manifeste. Si j'avais assistè aux séances précedentes, je m'y serais pris de manière que la réunion se prononcàt en connaissance de cause; mais il était trop tard.

Vous connaissez Ics noms des délégués. Regnard, Casse et Verlet. Ce sont des hommes de talent et de coeur que j'estime et que j'aime depuis long-temps; mais nous sommes en complet désaccord sur le point dont je viens de vous parler. Je demande liberté complète et ègale pour tous, liberté de discussion, de réunion, de presse, de culte. Or, la vérité, c'est nous.

Il est probable qu'ils poseroni devant le congrès ces théories conlre lesquelles je n'ai cesse de protester de toutes mes forces. Je crains que leur tentative n'ait, entre autres dangers, celui de l'inopportunité et qu'il n'en résulte des divisions regrettables. Il serait préférable de s'unir contre l'ennemi commun, en réservant les questions qui nous divisent. Ce sera a votre sagesse a diriger les débals pour le mieux de la cause. Je vous prie d'en accepter un comme témoignage de sympathie et de confraternite, et d'offrir l'autre au congrès comme marque d'adhésion de la part d'un athlète qui a consacré toute sa vie a la guerre contre la superstition.

Je fais des veux pour le succès de votre entreprise. Je désire que vos réunions exercent une influence salutaire sur l'opinion publique, et hàtent le jour heureux où l'infame papauté cesserà de souiller la noble terre d'Italie.

Agréez, cher monsieur, l'assurance de mes sentiments d'estime et de sympathie. Voglia accogliere in primo luogo l'espressione del mio rincrescimento di non potere intervenire al congresso di liberi pensatori, che, mercé la di lei iniziativa, sta per riunirsi in Napoli.

Doveri, cui non mi è lecito venir meno, me lo impediscono. Dichiaro io quindi in iscritto, far non potendo a viva voce, uno dei primi punti da stabilirsi dai liberi pensatori dover essere quello di non ammettere veruna specie di religion rivelata, il che implica la fede da noi nutrita nella ragione e nella sua perfettibilità indefinita.

La ragione poi rendendoci affatto imparziali, ci farà riconoscere, che, fra tutti i sistemi, i quali s'impongono come rivelazioni divine, finora il cristianesimo ci ha porto la morale più pura e sublime. Il congresso di Napoli sarà un ottimo mezzo per far valutare le nostre forze e conoscere le nostre tendenze.

Ora appunto per questo io l'applaudo, e terrommi onorato di parteciparvi almeno con questa mia lettera, di cui la prego di dar lettura. Torino, ai 30 novembre del Della Francia non parlo, da cui numerosissime venivano a Napoli le adesioni, mentre nelle città principali, ma segnatamente a Parigi, a Lione e a Marsiglia, a migliaia adunavansi i liberi pensatori, e nel loro seno eleggevano i lor delegati all'Anticoncilio.

Grande fu in tutta Italia l'agitarsi dei giovani, e soprattutto degli studenti, al sapersi dell'Anticoncilio di Napoli, né mancarono le assemblee giovanili e l'ordinamento dei comitati nelle varie città universitarie, ma segnatamente in Napoli, in Bologna e in Pavia, nell'ultima delle quali era eletto a rappresentare la gioventù studiosa l'egregio professor Lazzarini. Il comitato giovanile bolognese venia preseduto da Domenico Rossi, e quello di Napoli da Tommaso Senisi.

Nell'anniversario del 5 maggio mi sarà caro sapere, che tutti gli studenti d'Italia hanno dichiarato guerra al Papato, e contribuito a rovesciare nel fango quel nuovo consesso diabolico, che si chiama concilio ecumenico. Lunga lettera scriveva poi Giuseppe Ferrari, in risposta a quella inviatagli da un centinaio circa degli studenti di Napoli. I quali poi, adunatisi in assemblea, elesser fra loro i seguenti, quai delegati ali'Anticoncilio: Io spero di più: Il gran maestro effettivo del Grande Oriente di Firenze invece, in data dei 17 ottobre, diramava questa circolare, che venne anco riprodotta da varii giornali: Ai presidenti delle officine massoniche in Italia.

Noi avremmo giudicato che il miglior contegno a tenersi, per parte dei liberi pensatori, rimpetto a simile antiquata rappresentazione, si fosse di non darsene neppure per intesi. Tale condotta a seguirsi ne additava il buon senso delle popolazioni profondamente indifferenti, le quali sembrano dirci: Naples, 22 septembre In attesa di un cenno di riscontro, vi prego di gradire, carissimi fratelli, il cordiale Massonico saluto Firenze, 17 ottobre E il nome di Giuseppe Ricciardi mi è oggi particolarmente caro per la sua esemplarissima sincerità, virtù tanto rara oggi, che la viltà delle utili reticenze e l'infamia delle prudenti dissimulazioni sembra divenuto il primo articolo del codice dell'umana condotta, anche presso certi partiti che non discendono dai Padri Gesuiti.

Su questo punto, in questa formula quale specie di conciliazione potrà seguire? Non quella malvacea e bastarda, che sola i Liberi Muratori avrebbero diritto di deplorare e combattere, tra gli schiavi inconseguenti della dittatura spirituale di Roma e i liberi seguaci della ragione: Canestrini; tra la marchesa Florenzi e Ausonio Franchi, tra F.

Di questo accordo determinato e preciso sull'unico punto, che tutti gli separa da Roma e li costituisce suoi irreconciliabili nemici, fra uomini diversi di pensamento, d'ingegno e di studii, chi ha ragione di scandalizzarsi?

Io lo domando al suo cuore retto e al suo ingegno limpido; chi, logicamente, potrebbe pigliarne argomento di riso e di dileggio? Non i Liberi Muratori, i quali offrono la medesima varietà, e la stessa concordia nel tempo stesso, d'intenti, di affetti e di opere. Solo i satelliti di Roma hanno ragione di scandalizzarsi; perché essi soli rinfacciano alla ragione umana e cercano di confonderla e di umiliarla additandole lo spettacolo dell'immensa varietà di dottrine e delle lotte continue, che si svolgono in seno alla grande famiglia dei filosofi e delle intelligenze emancipate dal prete.

A noi questa varietà e queste lotte di sistemi e di opinioni sono argomento di gioia e di conforto: Di guisa che, se io non mi maravigliai punto all'udire che i giornali avversi all'Anti-Concilio si compiacessero nel presagio gentile che sarebbe stato una Babele, e avrebbero i liberi pensatori rinnovato in Napoli la confusione biblica delle lingue, le confesso che mi meraviglio altamente nel trovare nelle sue lettere l'espressione di un augurio o di un timore diametralmente opposto.

Ella dice che nel cospetto del Concilio Ecumenico il migliore consiglio per i nemici di Roma sarebbe stato la noncuranza e il dispregio. Sarebbe di certo ottimo partito quello del silenzio e del non ragioniam di lor, ma guarda e passa, ma ad una semplice condizione; che ci si provi prima come col tacere e col passare oltre si riesca a far tacere e passare oltre, quasi nuvole davanti al soffio del vento, i problemi sociali, politici, morali e religiosi, che il Concilio Romano agiterà e risolverà a modo suo d'innanzi a milioni d'Italiani e di uomini, che vedono e sentono in quei problemi agitarsi il destino della loro anima, della loro casa, del loro onore, della loro felicità.

I problemi che in Roma si discuteranno, voi non potete sopprimerli; perché stanno all'ordine del giorno in ogni famiglia, in ogni città, in ogni villaggio, in ogni animo, in ogni parlamento, in ogni coscienza. E voi credete, voi rappresentanti della più vasta associazione che sia mai sorta a disputare al Genio del male e allo spirito delle tenebre l'impero del mondo, rispondere alla solenne e ascoltata e temuta voce del Vaticano colla muta maestà del dispregio!

Io trovo più savio, provvido, opportuno e degno della libera Ragione, educatrice del popolo all'odio della menzogna e al culto del Vero, il disegno di Giuseppe Ricciardi. Vero è che voi altri promettete un'azione seria e positiva contro la superstizione; ed ella sa, signor deputato, quanto i miei voti l'aspettino. Ben venga questo nuovo piano di campagna contro i nemici della Ragione, della Luce, del Diritto, ma, intanto, perché non volgere tutti gli sforzi dei generosi al fine di rendere la dimostrazione deil'Anti-Condlio tanto importante, solenne, unanime, decorosa, autorevole, e grata alle popolazioni, quanto nella misura delle facoltà nostre possiamo?

Perché dare alla setta clericale e ai dottrinarii, soliti a deridere ogni moto, ogni segno di spontaneità popolare, ogni azione magnanima e disinteressata per la rigenerazione religiosa del mondo, lo spettacolo delle nostre discordie e degli scambievoli nostri dispetti?

Per parte mia dichiaro di sentir crescere in me lo zelo e di raddoppiare gli sforzi e la sollecitudine per la buona riuscita dell'Anti-Condlio: Ancona, ai 21 ottobre del Napoli, ai 26 ottobre del II Frapolli non seppe vedere l'alta importanza del fatto da me promosso, il quale poi avrebbe assunto mirabili proporzioni, se tutta quanta la Massoneria lo avesse assecondato, cogliendo quella preziosa occasione a trasformarsi radicalmente, col rinunziare ai simboli, ai riti, alle prove, ridicoli avanzi del medio evo, ma soprattutto al mistero, di cui s'è circondata finora, ed il quale, utilissimo, indispensabile in tempi, in cui il dispotismo predominava per ogni dove, è affatto inutile di presente, che anzi, la principal forza morale oggigiorno stando nell'opinione pubblica, potentissimo aiuto fra tutti è quello della pubblicità.

Pessima fu l'impressione prodotta dalla lettera del Frapolli, e non che fra le logge stesse, da lui dipendenti, aderirono all' Anticoncilio, mentre le dissidenti affrettaronsi a mandare la loro adesione e ad eleggere i lor delegati. Une importance plus considérable, que l'on ne croit généralement, doit étre attribuée, selon nous, au concile oecuménique que l'on prépare a Rome pour le 8 décembre prochain.

Nous croyons méme qu'il pourrait en résulter quelque danger pour la grande cause de la civilisation, de la liberté et du progrès, si leurs amis les plus ardents ne s'empressaient d'aviser. Nous sommes confirmés dans ces craintes, en voyant la joie qui anime déjà le clergé et ses nombreaux adhérents, armée immense, d'autant plus formidable qu'elle suit aveuglément les ordres.

Or, quel autre moyen pourrions-nous employer contre ces nouveaux efforts de l'ancien et implacable ennemi de toute liberté, sinon une ligue aussi compacte, aussi vaste, aussi active, que celle qu'il s'agit de combattre, a savoir la sainte ligue des libres penseurs de tous les peuples, opposant a la foi aveugle, sur laquelle le catholicisme est fondé, le grand principe du livre examen, et le grand fait d'une propagande sans entraves?

Mais où et quand devra se réunir cette ligue généreuse de l'esprit moderne contre la vieille barbarie? Quant au lieu de la réunion, c'est Naples qu'il faut choisir, Naples qui n'est pas seulement la ville la plus rapprochée de Rome, la plus importante de la Péninsule, et la troisième de l'Europe, mais encore celle qui eut la gioire de s'opposer sans cesse aux prétentions et aux empiétements de la Cour de Rome, après avoir, dans les jours les plus sombres du moyen àge, et alors méme qu'elle etait une province de l'Espagne, repoussé constamment et énergiquement cet infame tribunal de l'Inquisition, que ses dominateurs subirent en silence pendant plus de trois siècles!

Quant a l'époque, on ne saurait mieux la fixer qu'au jour méme, où doit se réunir a Rome le concile convoqué par Pie IX. Que l'on voie, le 8 décembre , dans les deux villes principales de l'Italie, autel dressé contre autel, l'autel de raison et de la vérité contre celui de l'aveuglement et du mensonge, ce qui veut dire que nous n'opposerons pas un nouveau crédo a celui que Rome patronne, car on pourrait nous accuser de vouloir substituer une nouvelle imposture a l'ancienne, mais, tout en affirmant notre respect du principe de la liberté de conscience, nous invoquerons uniquement les dogmes immuables de la morale, de cette morale que l'on ne fait pas découler de tel ou tel système de théologie, mais qui est fondée exclusivement sur la raison et le bon sens de tout homme reste libre de l'influence délétère du clergé.

Nous devons dire toutefois qu'une simple profession de foi morale ne nous paraitrait pas suffisante dans notre nouvelle lutte contre nos ennemis séculaires. Il faut que nos paroles soient suivies d'actes tels, qu'ils prouvent a la fois la noblesse de nos intentions et l'utilité pratique des nos idées. En ce qui concerne l'instruction, et particulièrement l'instruction primaire, pain de l'àme tout aussi nécessaire que celui du corps, l'association devra s'efforcer d'y faire participer tout le monde.

Telle est, a nostre sens, l'oeuvre a laquelle nous devons mettre la main, oeuvre doublement bienfaisante, et qui équivaudra a coup sua la plus terrible guerre qu'il soit pos'sible de faire au pape et a la papauté, car nous aurons le droit de leur dire: Nous prions en méme temps tous les journaux véritablement dévoués a la civilisation, a la liberté et au progrès de reproduire en entier cet écrit. Les lettres devront étre adressés au soussigné, Riviera di Chiaia n. Ceux qui ne seront pas a méme de se rendre a Naples personnellement, pour le 8 décembre prochain, pourront se faire représenter par un délégué, ou se borner a envoyer leur lettre d'adhésion, dont il sera donné lecture a l'assemblèe dans la séance d'ouverture.

Naples, le 15 mars Pour le Comité provisoire, J. Aussi, il ne sera pas inutile, pour répondre aux différentes objections, et pour dissiper tous les doutes, de bien préciser, des a présent, la question principale qui devra étre débattue et résolue dans l'assemblèe du 8 decembre prochain. Et, a cet effet, nous proposerons l'organisation d'une association internationale, ayant pour but general une guerre incessante aux deux causes principales de tous les maux du genre humain, la misere et l'ignorance, et pour but special la destruction de la papauté, soutien dans le monde de tout ce qu'il renferme de suranné et d'anti-social.

Voici maintenant l'ordre du jour de la séance d'ouverture: Compte-rendu du Comité provisoire, et lecture des principales lettres l'adhésion; 3. Appel nominal, et enregistrement des membres présents; 4. Election du Comité central définitif. Le billets d'admission a l'assemblèe de Naples seront délivrés dans les premiers jours de novembre. Napoli, le 22 septembre Fra le donne d'oltralpe, mi basterà nominare tre sole, la signora Legros, di Lione, più nota sotto il suo nome di guerra di Sorgel, autrice di parecchi bellissimi scritti, uno fra i quali intitolato: Se molto da valutarsi son le adesioni del sesso forte, d'assai più preziose vanno tenute per certo quelle del sesso gentile, vano essendo sperare il trionfo della verità e della ragione, finché la metà del genere umano continui ad essere affatto ligia di quelli, che diconsi ministri di Dio, mentre non son che impostori e naturali alleati di tutte le tirannie.

Non poco, da qualche tempo, si parla nel mondo dell'emancipazion della donna, alla quale si voglion concessi gli stessi diritti che ha l'uomo, e sta bene; ma in che le sue condizioni morali sarebbero migliorate dall'acquisto di tali diritti se prima un ben altro giogo la donna non si facesse ad iscuotere, vale a dir quello della superstizione e del prete?

Il qual ultimo poi sarà padrone della società tutta quanta, finché avrà l'anima della donna, anima ella stessa della famiglia. Di grande importanza essendo l'assicurare all'Anticoncilio una sede bene adatta, fin dalla state del , si attese alacremente da me a rinvenire un locale da poter rispondere all'uopo; ma, chi il crederebbe? Due riunioni preparatorie ebbero luogo prima in mia casa, nelle sere dei 13 e 20 novembre, alle quali intervennero, oltre i membri del Comitato provvisorio, di cui accennai nella prefazione, i deputati generale d'Ayala e Giuseppe Romano, il professore Gennaro Barbarisi, di cui Napoli ha non ha guari patito l'amara perdita, il Cav.

In queste due riunioni fermaronsi i modi da doversi tenere pel buon andamento dell'Anticoncilio, non che l'ordine del giorno diffinitivo della sua prima seduta, il quale veniva diffuso a migliaia di copie, con allato la traduzione in francese.

Ordine del giorno della prima seduta. Contoreso del Comitato provvisorio, e lettura delle principali lettere di adesione; 3. Appello nominale ed iscrizione degl'intervenuti. Nelle susseguenti tornate saranno sottoposte all'assemblea le seguenti quistioni: Della libertà religiosa e dei modi più acconci a renderla piena e sicura; 2. Della separazione compiuta fra la Chiesa e lo Stato; 3. Della necessità d'una morale indipendente dalle credenze religiose; 4. A quest'ultima discussione terrà dietro l'elezione d'un Comitato centrale diffinitivo.

Pel Comitato provvisorio, G. Poco stante sopraggiungevano il dottor Ludeking, tedesco dimorante ab antico negli Stati Uniti d'America, e con esso lui il Daniel ed il Peebles, il primo corrispondente d'uno dei primarii giornali di Nuova York, il New-York Herald l'altro console americano a Trebisonda.

Arrivavano pure l'Obary e Giorgio Nagy, delegati ungheresi, Maurer Bela e Federico Krasser, delegati di Transilvania, Luigi Ulhich e Giovanni Ronge, rappresentanti le comunità libere di Germania, il dottor Zimmermann, delegato di Stiria, il deputato spagnuolo Suner y Capdevila, Vittorio Arnould, delegato belga, Lecherbonnier, rappresentante la loggia massonica d'Issoudun, detta la Gaulotse, ed ultimi i delegati di Parigi, Marsiglia e Lione, che anzi il Regnard, di Parigi, e il Leballeur-Villiers, di Marsiglia, non giunsero che durante la prima seduta dell'Anticoncilio, e quei di Lione, per nome Crozat e Andrieux, dopo lo scioglimento dell'assemblea.

Dei delegati italiani sarà fatta menzione speciale nell'appendice. Napoli, ai 19 novembre del Dalle non poche lettere, scrittemi a tale proposito in questi giorni, rilevo che grandi assemblee popolari avranno luogo a Palermo, Catania, Salerno, Aquila, Foggia, Ancona, Parma, Venezia, Verona, Brescia, Treviso. A me sembra altamente desiderabile e Garibaldi è affatto del mio parere che in ogni cantuccio d'Italia il popolo si mostri più che mai vivo in quel giorno, cogliendo il destro, che gli offrono i suoi stessi nemici, ad un plebiscito novello in favore dell'unità nazionale e del sacro principio di libertà.

Quanto alla risoluzione da venire volata nelle cento assemblee popolari della Penisola, io credo che accennare dovrebbe a queste tre idee: Nessuno è che non vegga di quanta mole m faccia al mondo sarebbe una manifestazione di cotal genere fatta simultaneamente in tutta quanta l'Italia, ed il come potesse riuscire assai buona risposta a chi accusa di profonda apatia gl'italiani, e degni li chiama delle condizioni infelici in cui trovansi, ad onta della stupenda rivoluzione del Nel qual giorno e nel susseguente mi giunsero più di trenta telegrammi, di cui feci dare lettura all'Anticoncilio, ed i quali si troveran registrati nell'appendice.

Una delle più importanti fra tali riunioni fu quella ch'ebbe luogo in Loreto, cioè là dove sorge uno dei più celebri monumenti della superstizione cattolica. Ed ecco le deliberazioni approvate all'unanimità dall'adunanza, la quale sarebbe stata più numerosa senza il cattivo tempo, ed incui nondimeno trovaronsi, oltre molti cittadini di Loreto e la Società Operaia in corpo, circa trecento cittadini, rappresentanti le Associazioni liberali delle Marche.

Un'ultima sfida insensata indiritta veniva da Roma papale alla Libertà, alla Scienza, alla Civiltà, e noi, teneri soprammodo di questi preziosissimi beni, l'abbiamo lietamente raccolta, ed ora alle voci della menzogna e della superstizione quelle verremo opponendo della verità e del sapere.

Né dicasi che numerosi non siamo, massime se si consideri il numero sterminato di quelli che si dicon credenti, perocché, prescindendo dalle difficoltà materiali, che ai più fra i nostri impedirono di qui recarsi, per la natura stessa del nostro invito, non i più, ma sol pochi convenire potevano in questa assemblea, i più fra i nemici di Roma cattolica non essendo nemici, al pari di noi, di qualsivoglia superstizione.

Una moltitudine immensa sarebbe qui convenuta, se a tutte le sette, in cui si divide il protestantesimo, avessimo detto: Gli è questo l'unico modo di combattere, anzi di vincere la gran prova. Pur troppo divisi finora ci vide il mondo in faccia a un nemico unitissimo. Ma noi non malediciamo a nessuno, neppure al papa; ma noi, adoratori della libertà fino agli ultimi limiti del possibile, tollerantissimi siamo delle credenze altrui, armi non altre lecite reputando contro l'errore, che il ragionamento e la persuasione.

E questi, e non altri argomenti userete, o generosi stranieri convenuti fra noi da ogni luogo, nel predicare, tornati appena nei vostri paesi, il nostro nobile credo, fondato, non sopra chimeriche idee, ma sull'amore scambievole, sulla carità continuamente ed efficacemente operosa, sul desiderio ardente del maggior bene dei nostri simili.

Il papato, posto, qual è, proprio nel cuore d'Italia, è simile a cancro, che spegner dobbiamo, se non vogliam che ci spegna!

Alla qual opera altissima dobbiamo noi metter mano, e non aver posa, finché il gran fine non sia raggiunto. Ma qui odo farmisi un'obiezione: Alle false credenze patrocinate dal papa, quali nuove credenze abbiamo noi divisato di opporre? Ed i più non han forse bisogno d'una fede, d'un simbolo qualsivoglia, che appaghi la fantasia, che soddisfi a certi bisogni del cuore, e risponda alle aspirazioni del maggior numero verso l'invisibile e l'infinito? E puossi distruggere un credo, senza surrogargliene un altro?

E sarà mai possibile, mercé l'istruzione larghissimamente diffusa, il mutar le nazioni intere in società di filosofi? Da che son uomini al mondo, si è disputato mai sempre vanissimamente su certi capi, cui copre impenetrabile velo, quai, per esempio, sarebbero quelli della causa prima di tutte le cose, degli attributi di questa causa, dell'immortalità o caducità della parte pensante dell'esser nostro, delle cause finali ecc.

E questo sarà l'unico credo, che siavi da noi sottoposto, qual bella e solida base dell'associazione mondiale che abbiamo in animo di fondare. La quale unanimità del fior fiore della nazione in tal congiuntura è per noi chiaro indizio di sorti più liete e gloriose, di quelle che s'ebbe finora l'Italia, le quali non potransi da lei conseguire, se non mediante il conseguimento della Roma, di Roma da lei conquistata sul papa e la superstizione cattolica! Diedi poscia contezza di quanto dal Comitato operavasi, ad accertare il buon esito dell'Anticoncilio, e delle adesioni infinite, non solo individuali, ma collettive, giuntemi da tutte le parti del mondo, e delle quali il segretario Imbriani leggeva l'elenco, interrotto più volte da alcuni fra i delegati, e in ispecie da Leopoldo Ovary, che un discorso pieno di nobili sensi facevasi a profferire in nome delle molte migliala d'Ungheresi, che lo avean mandato fra noi, ad una con Giorgio Nagy, il qual'ultimo si presentava da me all'assemblea, non che Maurer Bela, venuto col dottor Krasser a rappresentare in Napoli molte migliaia di Transilvani.

Baldassarre Galletti, presidente della società dei liberi pensatori di Palermo, che diè lettura d'una protesta dei razionalisti palermitani contro il Concilio ecumenico e l'occupazione francese del territorio romano. All'enumerazione delle adesioni collettive feci succedere la lettura di alcune fra le innumerevoli lettere da me ricevute, incominciando da questa qui appresso di Garibaldi, al cui solo nome l'assemblea tutta s'era altamente commossa, con applausi frenetici salutandolo.

Caprera, 7 ottobre Io sono della Religione del Vero! Io sono della Religione di Dio! La prima è più conforme all'indole ed all'alta intelligenza del libero pensatore, giacché interamente scevra da ogni involucro mistico. Furono letti, da ultimo, alcuni documenti venuti dai più lontani paesi, fra cui questa bellissima lettera, inviatami dai liberi pensatori dell'isola della Riunione.

Les bommes libres de l'ile de la Réunion aux libres penseurs d'Italie réunis en concile oecuménique liberal a Naples, salut et fraternité. Ile de la Réunion, I. Les soussignés s'associent de coeur et d'intention a l'idèe sociale et humanitaire des hommes libres d'Italie; ils adhérent aux mesures que prendra le Concile oecuménique liberal, qui se tiendra a Naples le 8 décembre , dans le but de faire progresser l'humanité dans la voie de son salut en détruisant la superstition par l'instruction et en affranchissant le travailleur de la misère par tous les moyens légitimes que la science économique et l'expérience auront démontrés efficaces.

Les soussignés applaudissent a l'organisation d'une nouvelle franc-masonnerie federale et libre, agissant en plein jour et dégagée de rites et de cérémonies inutiles, plus propres a faire germer la superstition qu'à la détruire. Mais ils protestent contre toute organisation unitaire qui paralyserait l'action des groupes, en les inféodant a une Loge ou a une Venie centrale autoritaire qui ne se bornerait pas a étre la gardienne du pacte federai, le centre de relation, le trait d'union de tous les groupes fédérés.

Le Secretaire du Comile de la Réunion V. Pria che si procedesse all'appello nominale, riferii le scuse dei deputati non pochi, cui non era stato concesso il venire all'Anticoncilio, poi dissi a coloro, che, qualunque ne fossero le ragioni, non volessero partecipare ai lavori dell'assemblea, ma esserne semplici spettatori, potere significare questa loro intenzione coll'astenersi dal rispondere alla chiamata del loro nome.

Finiva l'appello nominale colla chiamata del dottor Zimmermann, il quale, per altro, non arrivava che la dimane. Non debbo dimenticare aver fatto in quel giorno, finito appena l'appello nominale, le debite lodi del chiaro incisor torinese Giuseppe Giani, il quale, anziché tenere l'invito, fattogli dai partigiani del papa, di coniare una medaglia commemorativa del Concilio romano, una bellissima ne coniava in onore dell'Anticoncilio.

Al di sotto si legge: Ricciardipromotore, Napoli, 8 de-cembre Sul rovescio poi sono incise le seguenti parole: A Roma Pio IX coi vescovi a sancire il sillabo, l'infallibilità del papa, il potere temporale, a Napoli i liberi pensatori contro il fanatismo, l'intolleranza, l'Inquisizioni, convenivano. Ma qui nacque una discussione, oziosa affatto, appunto sull'ordine del giorno, alcuni opinando doversi trattar subito ad uno ad uno i varii argomenti, e in ispecie quello relativo alla libertà religiosa.

E fu allora, che il dottor Testa, chiesta la parola per una mozione d'ordine, propose il differimento d'ogni discussione alla dimane, il quale partito essendo stato approvato, dichiarai sciolta la riunione. Questi particolari della prima seduta all'Anticoncilio sono stati da me ricavati dal processo verbale dettatene da uno dei segretarii, e firmato da tutti e sei i segretarii, cioè da Tommaso Senisi, Francesco Carusi, Pietro Gatti, Giorgio Imbriani, Benedetto Bordone e Michele Pace.

La seconda seduta dell'Anticoncilio avea luogo la sera dei 10 decembre, alle 8, colla stessa affluenza del giorno prima. Letto e approvato il processo verbale della prima seduta, feci legger la lista dell'opere e degli opuscoli inviati in omaggio all'Anticoncilio vedi l'appendice , poi diedi contezza d'altri telegrammi testé pervenuti alla presidenza, e di varie lettere molto importanti, una delle quali scritta dagl'Italiani di Montevideo America del Sud , un'altra dall'isola di Giava, e una terza da due Israeliti di Mantova, cioè dai fratelli Edoardo e Adolfo Colorni, il primo dei quali diceva non aver voluto far circoncidere un bambinello natogli allora allora.

I quali annunzii venivano accolti con entusiastici applausi. Dichiarai quindi essere stato delegato a rappresentare nell'Anticoncilio non meno di settanta liberi pensatori, fra i quali non poche donne, di cui alcune mi avean fatto premura di non trascurare di far conoscere i loro nomi in occasione dell'appello nominale.

Ed a questo, essendosi chiesto un appello speciale delle donne intervenute all'Anticoncilio, uno dei segretarii prese a leggerne l'elenco non breve, e ad ogni risposta delle signore presenti, indescrivibili acclamazioni scoppiavano nella sala. Si leggeva quindi una lettera di Lecherbonnier, in cui esprimevasi il desiderio di vedere ammessi nell'assemblea quanti operai ne facessero la richiesta, senza essere tenuti a contribuzione alcuna, per sovvenire alle spese dell'Anticoncilio, la quale proposta, dopo breve discussione, veniva approvata.

Io vorrei che l'assemblea chiaramente affermasse se stessa, affermando, lo scopo precipuo dell'Anticoncilio consistere nel bandire gli acquisti della scienza, contrarii affatto alla cieca fede e ad ogni superstizione.

Or che affermeremo noi mai, se non l'uomo? La scienza ha negato il soprannaturale e la metafisica; ma negando ha pure affermato, e la sua affermazione è l'uomo. Io mi fo quindi a proporre un emendamento al programma del Comitato, massime quanto al modo in cui le quistioni religiose sono state enunciate.

Nel programma del Comitato si afferma la libertà religiosa. Or'io, a questa formola sostituisco quella di libertà di coscienza, in primo luogo perché essendo la coscienza quella che crea le religioni e le forme politiche e sociali, coll'affermare la libertà di coscienza si affermano l'altre tutte.

Riflettasi inoltre che oggi non trattasi della separazione fra la Chiesa e lo Stato, quest'ultimo avendo invaso la prima, in prova di che basterammi citare il fatto dell'incameramento dei beni ecclesiastici.

Ma allora si potrà proclamare la divisione assoluta della Chiesa dallo Stato, quando la prima sia entrata nel diritto comune, essendo ella nell'obbligo di rifarsi cittadina ed umana, prima di potere aspirare ai diritti che da la libertà, e all'emancipazione dallo Stato.

II mio emendamento è il seguente: Il Concilio prende a principio la fede, l'Anticoncilio gli contrappone la scienza, ed afferma: Libera coscienza, a cui si rannoda la quistione: A Libero in politica, a cui si rannodano: B Libero nel lavoro.

Istruzione ed educazione obbligatorie. Mezzi per attuare il programma dell'Anticoncilio. Dopo brevi parole del sig. Proposi quindi che ogni oratore non potesse parlare più d'un quarto d'ora, il che essendo stato approvato dall'assemblea, concessi la parola all'avvocato Mora, delegato di parecchie società operaie del Parmigiano, ed il quale si fece a trattare la parte politica della quistione.

Dopo un'esposizione sommaria dei suoi principii, ei dicea sottosopra: Sottentrava all'avvocato Mora l'avvocato Gambuzzi, il quale trattava la parte economica della quistione. Ad emancipar l'uomo, ei diceva, non basta l'esercizio dei diritti civili e politici, ma gli fa d'uopo il libero esercizio dei diritti economici.

Surto quindi a parlare Giovanni Pantaleo, opinava non esservi gran divario fra il programma proposto dal Comitato e quello del professore Del Vecchio, solo preferirsi da lui la formola libertà di coscienza a quella di libertà religiosa, perché più comprensiva, secondo lui, sia giuridicamente, sia politicamente, sia moralmente.

Dato bando solenne a tutte le religioni, quali aberrazioni del nostro spirito, veniva a parlare del prete, chiamato da lui proscritto per antonomasia, e le cui catene, se stavan per essere ribadite dal Concilio romano, sarebbero state spezzate dall'Anticoncilio, per modo da vedersi restituito alle dolcezze della famiglia, all'amor della patria e al progresso.

Chiamato poi il papa re degl'inganni, finiva con un saluto a quei preti, che, gittata via la turpe divisa della menzogna e dell'impostura, seppero tramutarsi in liberi cittadini. Cessati gli applausi destati da queste parole, sorgeva a parlare il professor Montalbano, di Palermo, approvando il programma del Comitato, esplicando l'intento dell'Anticoncilio, e dimostrando la preferenza da doversi dare alla formola libertà religiosa, siccome quella che implica la libertà di coscienza.

E qui sorgeva quistione sul modo da doversi tener nel votare, cioè se per appello nominale o per alzati e seduti. Al qual grido l'ispettore Lupi, che si era introdotto nella sala in modo affatto illegale, poiché non entrandosi in essa, che mercé tessera personale, la riunione dovea ritenersi siccome privata, e non pubblica, ricintosi della sciarpa dai tre colori, leggeva le seguenti parole: Del rimanente lasciate la cura al Comitato, e scioglietevi tranquillamente.

Questi due soli fatti individuali non costituendo ragione legale per lo scioglimento dell'Assemblea, i sottoscritti protestano per sé e per le associazioni che rappresentano, contro l'inqualificabile atto, e invitano il Comitato direttivo a far rispettare la legge col riconvocare l'Anticoncilio. Camillo Fazio - Avv. Galletti - Francesco Carusi - Avv. Napoli, 11 decembre Certo la nostra ferma risoluzione era di perdurar nella via in cui ci eravam messi, continuando l'Anticoncilio; ma la mattina degli 11 decembre, il questore, con illegalità manifesta, faceva intimare all'impresario di S.

Il perché a grandissimo stento potemmo, dopo due riunioni in casa mia, nelle sere degli 11 e 13 decembre, ottenere l'ingresso, nella sera dei 15, nell'albergo di Nuova York, e nella sera dei 15, in quello degli Stati Uniti. Nella riunione tenuta in mia casa la sera degli 11 decembre, eran presenti tutti i delegati stranieri e non pochi italiani, fra cui il professore Giulio Lazzarini, rappresentante la gioventù universitaria di Pavia, giunto allora allora fra noi.

Agitati i modi più acconci a poter continuare le sedute dell'Anticoncilio, si discusse il programma, senza potersi venire a conclusione alcuna, massime a causa dei delegati francesi, i quali avrebbero voluto far prevalere le loro idee, non accettate dai più. In una sala dell'Hotel New-York, questa sera 15 decembre , ore 8 di sera, si sono radunati in adunanza preparatoria i rappresentanti dell'Anticoncilio, signori: Il signor Testa da lettura di una lettera del Presidente Ricciardi, colla quale dice che è dolente di non poter intervenire alla seduta per indisposizione di salute.

Preso atto della lettera, l'adunanza nomina per acclamazione a Presidente di questa seduta il generale Mata. Questi, nell'assumere l'onorevole incarico, ringrazia i rappresentanti di questo attestato di simpatia e di stima; parla in seguito degli ostacoli che s'incontrano per potere riprendere le adunanze definitive, e conclude esprimendo la certezza che in questa seduta si delibererà qualche cosa di veramente pratico.

Ed intanto dice che gli parrebbe conveniente che si nominasse tosto una commissione composta di tre o di cinque membri, la quale, dopo avere esaminati i programmi già conosciuti, presentasse ella stessa un progetto di programma, da sottoporsi alla discussione e votazione della prima adunanza generale; e dà a questa sua proposta un ampio svolgimento. Su questa proposta si apre discussione, e molti oratori parlano in senso diverso, quindi vien fatta una proposta, formulata dal rappresentante Andrieux in questi termini: Il Comitato sarà incaricato di spedire gl'inviti ai delegati per la prima seduta.

Messa ai voti questa proposta, è accettata ad unanimità. Il presidente nomina il Comitato nelle persone dei signori Testa, Senisi e Maneyro. Questo esaurito, si ritorna alla discussione della prima proposta del presidente, cioè della nomina di una commissione per la redazione del programma. Prendono la parola i rappresentanti Rongc e Ludeking, appoggiando calorosamente la proposta del presidente: La proposta è accettata all'unanimità.

Il presidente, d'accordo col delegato Ludeking, propone che la commissione sia composta di cinque delegati di nazionalità diversa. Anche questa proposta è accettata ad unanimità. Si passa alla nomina per ischede segrete del Comitato, e riescono eletti a primo scrutinio i delegati Mata, Ludeking, Regnard e Ovary.

L'assemblea nomina per acclamazione Ricciardi a quinto membro della commissione e a presidente della medesima. Si propone di nominare un sesto membro, da sostituirsi al conte Ricciardi, nel caso in cui continuasse ad essere indisposto, e non potesse prender parte ai lavori della commissione.

Si accetta la proposta, e a schede segrete viene nominato il delegato Mora. In sul principio della seduta vennero incaricati dell'uffizio di segretarii i delegati Mora ed Ovary. Ecco ora l'esposizione sommaria dell'ultima riunione, la quale ebbe luogo, siccome accennai, la sera dei. Ovary deponeva nelle mie mani una nuova adesione collettiva proveniente da Budapest, con firme. Letto il processo verbale della tornata dei 10 decembre, era approvato dopo alcune osservazioni di Mollica, Carusi, Del Vecchio, Pantaleo e Regnard.

Silhianu, delegato rumeno, leggeva un discorso pieno di nobili sensi, salutando l'Italia in nome della Rumenia, i cui liberi pensatori lo delegavano a rappresentarli nell'Anticoncilio. Finita appena la quale, parecchi fra i delegati chiesero facoltà di parlare. Andrieux, delegato di Lione, diceva accordarsi col delegato di Parigi, quanto alla necessità di proclamar l'ateismo, e chiedeva la nomina d'un nuovo Comitato, collo speciale mandato di formulare un programma, in cui, fra gli altri capi, venisse indicata la separazione fra la Chiesa e lo Stato.

Regnard rispondeva maravigliandosi dell'opposizione mossa dal delegato di Lione contro l'uso della forza rivoluzionaria. E qui citava parecchi esempii dell'intervento della forza da lui invocata, fra cui quello dell'istruzione obbligatoria, riconosciuta indispensabile a distrugger l'errore. La società, soggiungea, avere, al pari, dell'individuo, innanzi ogni cosa il diritto di vivere, e quello di distruggere tutto che possa distruggerla. Tre punti, ei diceva, aversi a considerare: Quanto al secondo, cioè la proclamazione dell'ateismo, essere indispensabile, siccome espressione del vero, e perché, riconosciuta la scienza quale unica base d'ogni credenza, ne siegue la negazione di Dio, né potersi essere rivoluzionari davvero senza essere atei, e solo per aver rinnegato una tal verità tre rivoluzioni in Francia aver fatto prova infelice.

E qui citava l'esempio del Congresso di Liegi, il quale, considerato dapprima siccome assemblea d'energumeni, non tardava ad essere salutato in Francia siccome la vera espressione di quanti son quivi davvero liberi pensatori.

E, citata la frase del Michelet: La vie du Catholicisme est la morte de la Republique, aggiungeva: L'oratore conchiudea il suo discorso esprimendo la sua maraviglia del dovere difendere la rivoluzione nel paese di Garibaldi, e vantar l'ateismo nella terra ove nacquero Claudio Vanini e Giordano Bruno. Sottentrava al Regnard il general Mata, il quale prendea a propugnare il programma approvato della commissione, programma che limitavasi proclamare l'emancipazione dell'umano intelletto e la sovranità della ragione, astenendosi dal mettere innanzi qualsiasi sistema filosofico.

Qui il professor montalbano chiedea la parola , dicendo avere a parlare, egli Italiano, dopo che aveano più volte parlato i delegati stranieri, al che FerdinandoSwift, delegato di Venezia, sclamava non esservi distinzione da farsi nell'Anticoncilio fra Stranieri e Italiani, i delegati tutti dovendosi considerare siccome fratelli!

Alle quali parole tenevano dietro unanimi applausi. Ovary, cui spettava parlare, diceva approvare in massima le idee di Regnard, ma non poterne accettare la pratica attuazione. Cette mobilisation a été favorisée par les réseaux sociaux, avec Félicitations à nos trois nouvelles élections: Angéline, Laurine et Alexia. Devenue incontournable à Cannes, la compétion Break The Floor revient nous offrir le meilleur de la danse hip-hop dans cette 8ème édition!

Toujours plus nombreux a être séduits par l'ambiance festive et conviviale, découvrez cette année encore les incroyables évolutions techniques et stylistiques du breakdance!

Les meilleurs danseurs-performers du monde défient chacun leur tour les lois de la gravité, les limites du corps humain, et nous éblouissent par leurs acrobaties incandescentes! Des battles 4 contre 4 de breakdance et des performances chorégraphiques inédites vous attendent avec une musicalité et une technique qui laissent sans voix Après les USA, le Japon, la Russie, la Corée du sud, la France et la Hollande, le cru nous réserve de belles suprises avec des moments artistiques inédits.

Ces rencontres sont proposées du 17 au 21 Février. Oltremare, i loro droni sono stati utilizzati da anni dai militari ma in America sono proibiti tra le forze dell'ordine. Ora Omnicorp vuole portare Per lui crisi, tasse e precarietà sono solo un altro titolo di giornale.

Quello che conta sono i ricevimenti, le interviste, il successo ad ogni costo. Quando il branco lo accusa, con estrema superstizione, di essere la causa della siccità che sta piegando il deserto e minacciando la sopravvivenza Con il navigatore e la radio A spasso con i dinosauri è l'esperienza cinematografica più coinvolgente e innovativa che si Il film racconta la storia di un brocker finanziario, che dopo aver fondato la sua società e portato a termine diverse frodi, sarà arrestato Purtroppo gli abitanti di quei luoghi, ritengono l'animale pericoloso per il loro Crescere e amare nella Palermo della mafia.

Un racconto lungo vent'anni attraverso gli occhi di un bambino, Arturo, che diventa grande in una città affascinante e terribile, ma dove c'è ancora spazio per la passione e il sorriso.

Il film è, infatti, Rimasto orfano dopo la Seconda Guerra Mondiale, Sebastien, ritrova l'affetto grazie all'incontro con un bellissimo esemplare femmina di cane dei Pirenei, Belle. Sabato 21 Dicembre , alle ore Agostino Speziani, titolare dell'Hotel Morandi, è stato nominato "Converso" dell'Ordine e gli è stata assegnata la gestione della Grangia appena istituita nell'Hotel Morandi, denominata "Grangia di Sanremo S1".

La sala delle conferenze è gremita in ogni ordine di posto: Rassegna balletti gennaio L'allestimento proposto dal St. Petersburg Ballet, mantiene viva la forza della coreografia originale di Petipa-Ivanov, accompagnata dalla maestosa musica di Tchaikovsky. Drosselmeyer, un misterioso personaggio, tra numeri di magia e atmosfere oniriche, regala a Clara uno schiaccianoci di legno a forma di soldatino.

Al termine della sontuosa festa, Clara, felice per il dono ricevuto, si addormenta stringendo il suo schiaccianoci tra le braccia. La magia farà volare la piccola in un mondo fantastico, dove il suo schiaccianoci si trasformerà in un bellissimo principe. En présence du couple princier, LL. Un grand numéro de 5 éléphants, dont Baby et Nepal, les deux éléphantes sauvées du zoo, vouée à la mort, la Grande Cavalerie du Cirque Lydia avec ses 30 chevaux.

Des moments magiques, pour des souvenirs gravés à tout jamais dans nos mémoires, devant les yeux émerveillés des petits, comme des grands, sur la piste. Le Festival présente chaque année, une sélection des meilleurs numéros internationaux, qui attirent chaque année, des millions de spectateur venus du monde entier.

Le Festival présente chaque année, une sélection des meilleurs numéros internationaux, qui attirent chaque année, des millions de spectateurs venus du monde entier. Place le 1er et 2 février , 3ème New Génération, au chapiteau de Fontvieille à Monaco, pour la compétition de jeunes artistes du cirque. Aurélie Filippetti — Ministre de la Culture et de la Communication. Retour Festival de Cannes Présentation bilan CNC, soirée Thaïlandaise.

Delegato del Casino di Sanremo, Dr. Nei giorni seguenti, gli spettacoli hanno avuto inizio: In questo allestimento è mantenuta viva la forza della coreografia originale.

Il balletto classico della migliore tradizione russa, sarà rappresentato nella sua versione completa. Quando giunge un misterioso personaggio Drosselmeyer, che regala a Clara uno schiaccianoci di legno a forma di soldatino. La fanciulla si addormenta e sogna , volando in un mondo fantastico.

Clara sarà Anastasia Chava. Lo spettacolo è arricchito dalle belle musiche di Amedeo Minghi. Le musiche di Amedeo Minghi sono eseguite dai Màs Tango. La regia è a cura di Livio Grassi. Mariagrazia Bugnella - Foto c L. Cristina Paola Cortellesi è un'energica meridionale trapiantata in un piccolo centro del Nord dove è finalmente riuscita a costruirsi una vita e una famiglia perfette insieme al marito, Michele Coso Luca Argentero , e ai loro due splendidi figli Quando una profezia intrappola un intero regno in un inverno senza fine, Anna, valorosa e ottimista, insieme al coraggioso uomo di montagna Kristoff e alla sua renna Sven, intraprende un viaggio epico alla ricerca della sorella Elsa, la Regina delle Mario Luca Bizzarri e Piero Paolo Kessisoglu sono due impiegati di terra di una compagnia di crociere al porto di Napoli.

Sono genovesi e sognano da sempre di avere una barca tutta loro. Paolo è innamoratissimo di Barbara Fatima Trotta , Il leggendario Capitan Harlock, il pirata spaziale che in disaccordo col governo terrestre, insieme ad un manipolo di uomini a bordo della nave spaziale Arcadia, combatte per i diritti dei popoli Il secondo capitolo della trilogia di film tratti da Lo Hobbit, il capolavoro di J.

Arnaldo, Anita e le due gemelle Martina e Federica, ecco la famiglia Nardi. Una tranquilla e normalissima famiglia medio borghese. Una famiglia allargata, come ce ne sono tante oggigiorno, nella quale una coppia di genitori attende per le feste l'arrivo della figlia e del suo misterioso fidanzato; c'è anche un uomo che per la prima volta conosce i figli della sua compagna che Nella sua vita visse, da un punto di vista privilegiato e particolare, i più grandi eventi del nostro tempo, dal movimento per i Ambientato nel seducente mondo di uno dei più sbalorditivi scandali che hanno scosso gli Stati Uniti, American Hustle racconta la storia di un brillante impostore, Irving Rosenfeld Christian Bale , che, insieme alla sua scaltra amante britannica Philomena Lee, ancora adolescente, resta incinta.

Cacciata dalla famiglia, viene mandata al convento di Roscrea. Per ripagare le religiose delle cure che le prestano prima e durante il parto, Philomena lavora nella lavanderia del Dans un spectacle hilarant, Mathieu Madénian nous propose sa vision et son interprétation du monde. En résumé, si vous voulez vous marrer, venez seul, en couple ou en famille: Il y en a pour tout le monde!

Un humour décapant, à découvrir absolument! La mostra avrà i seguenti orari: Ampelio e costeggia tutta Bordighera. Protagonisti sono i due tacchini Reggie e Jake determinati a portare a buon fine una missione del tutto Mamma Stella, infatti, ha già un altro scandalo da affrontare: In parte bizzarro spettacolo, in parte stratagemma intimidatorio

Je serais trop heureux de siéger avec vous au vrai concile qui va juger le faux. Votre glorieuse ville, qui si obstinément a repoussé l'Inquisition, avait le plus beau titre pour recevoir le haut jury du droit, de la libre pensée. Je suis votre dés ma jeunesse. Mon seul maitre fut le grand Vico, l'emancipateur de l'histoire, le jurisconsulte profond. L'enorme amphithéàtre de Naples et du Vésuve serait insuffisant pour tant d'accusateurs.

Toutes les nations pourraient venir dénoncer cette ligue qui perpètue les maux, éternise la servitude, le tyran-prétre étouffant l'homme, et le livrant au tyran-roi. Les morts mémes y viendraient, tous les ressuscités. Jean Huss a reparu cette année méme, hier, plus vivant que jamais, immense entre deux mondes, le Slave et l'Allemand, acclamé par cent millions d'hommes Un fauteuil a Jean Huss dans notre concile, je vous prie, un a Luther, un autre a Galilée, un au défenseur des Calas.

A eux la présidence et aux dignes jurisconsultes qui, devant le triomphe si long de l'arbitraire, sont restés immuables sur le roc éternel du Droit.

Quand tant de questions si graves nous attendent, ce serait pitie de les suivre, ces vieux enfants, dans leurs vains radotages. Laissez là vos Immaculées, le sacre coeur, le sacre sang C'est cette mer sanglante qui monte vers le ciel, et qui crie toujours contre vous.

Ricciardi, Deputé au parlement d'Italie. MICHELET Le due seguenti lettere mi venivano scritte dall'Achille dei liberi pensatori francesi, da quel Morin più conosciuto forse sotto il nome di Miron il quale pubblicava parecchie opere insigni, intese tutte a combattere la superstizione.

Paris, le 22 décembre Cher monsieur, J'avais beaucoup entendu parler de vous, comme d'un des plus vaillants champions de la démocratie et du rationalisme, comme d'un adversaire redoutable de toutes les tyrannies. Aussi suis-je charmé de l'occasion que vous me fournissez, par votre aimable lettre du 18 de ce mois, d'entrer en relation avec vous. Notre but et nos principes sont les mèmes, et je dois vous déclarer que j'ai applaudi de tout coeur a votre congrès philosophique de Naples.

Je suis persuade qu'il rendra les plus grands services a notre cause qui est celle de la vérité et de la liberté. Je serais heureuxde pouvoiry prendre part. Je regrette bien l'ètre dans l'impossibilité de faire ce voyage. Veuillez du moins me considerar comme adhérant. Je ferai tous mes efforts pour amener des souscriptions. J'ai entendu dire que plusieurs libres penseur de Paris comptaient se cotiser pour payer les frais de voyage des délégués qu'ils y enverraient.

Je vais maintenant vous exposer franchement les points sur le quel je diffère d'opinion avec vous, tout en étant d'accord sur l'idèe fondamentale. Je repousse et J. Peut-étre il n'est pas opportun, en Italie, de dire tout haut ce que vant le christianisme: Seulement, je ne partage pas vos craintes sur les dangers venant du Concile. C'est une question d'apprécialion, par voire de conjecture. Je crois pouvoir predire ce que fera le concile dont les actes n'exciteront que la risée des hommes de bonsens.

Ils rabàcheront l'encyclique, décerneront au Pape un brevet d'infaillibilité, et décideront que la Vierge Marie est au ciel en corps et en àme. Il n'y a là rien de bien redoutable. Au contraire, plus ces gens-la se rendront ridicules, mieux ils feront nos affaires. Il est a craindre que vous n'ayez, a ce sujet, des débats irritants, et qui n'aboutiront a aucune solution. Nos ennemis nous accuseront d'impuissance. J'aurai préféré qu'on restàt sur le terrain philosophique et religieux.

Autant que vous, je déteste la papauté, aussi bien temporelle que spirituelle. Agréez, cher Monsieur, l'assurance de haute estime et de cordiale sympathie. Paris, le 15 novembre, Cher Monsieur II s'est tenu, comme vous savez, a Paris, plusieurs séances ayant pour but d'envoyer des délégués au congrès de Naples.

Je n'ai été appelé qu'à la dernière qui s'est tenu samedi dernier. La besogue était faite, puisqu'on avait précedemment nommé les délégués et arrèté le manifeste.

Si j'avais assistè aux séances précedentes, je m'y serais pris de manière que la réunion se prononcàt en connaissance de cause; mais il était trop tard. Vous connaissez Ics noms des délégués. Regnard, Casse et Verlet. Ce sont des hommes de talent et de coeur que j'estime et que j'aime depuis long-temps; mais nous sommes en complet désaccord sur le point dont je viens de vous parler.

Je demande liberté complète et ègale pour tous, liberté de discussion, de réunion, de presse, de culte. Or, la vérité, c'est nous. Il est probable qu'ils poseroni devant le congrès ces théories conlre lesquelles je n'ai cesse de protester de toutes mes forces.

Je crains que leur tentative n'ait, entre autres dangers, celui de l'inopportunité et qu'il n'en résulte des divisions regrettables. Il serait préférable de s'unir contre l'ennemi commun, en réservant les questions qui nous divisent.

Ce sera a votre sagesse a diriger les débals pour le mieux de la cause. Je vous prie d'en accepter un comme témoignage de sympathie et de confraternite, et d'offrir l'autre au congrès comme marque d'adhésion de la part d'un athlète qui a consacré toute sa vie a la guerre contre la superstition. Je fais des veux pour le succès de votre entreprise.

Je désire que vos réunions exercent une influence salutaire sur l'opinion publique, et hàtent le jour heureux où l'infame papauté cesserà de souiller la noble terre d'Italie. Agréez, cher monsieur, l'assurance de mes sentiments d'estime et de sympathie.

Voglia accogliere in primo luogo l'espressione del mio rincrescimento di non potere intervenire al congresso di liberi pensatori, che, mercé la di lei iniziativa, sta per riunirsi in Napoli. Doveri, cui non mi è lecito venir meno, me lo impediscono. Dichiaro io quindi in iscritto, far non potendo a viva voce, uno dei primi punti da stabilirsi dai liberi pensatori dover essere quello di non ammettere veruna specie di religion rivelata, il che implica la fede da noi nutrita nella ragione e nella sua perfettibilità indefinita.

La ragione poi rendendoci affatto imparziali, ci farà riconoscere, che, fra tutti i sistemi, i quali s'impongono come rivelazioni divine, finora il cristianesimo ci ha porto la morale più pura e sublime. Il congresso di Napoli sarà un ottimo mezzo per far valutare le nostre forze e conoscere le nostre tendenze.

Ora appunto per questo io l'applaudo, e terrommi onorato di parteciparvi almeno con questa mia lettera, di cui la prego di dar lettura. Torino, ai 30 novembre del Della Francia non parlo, da cui numerosissime venivano a Napoli le adesioni, mentre nelle città principali, ma segnatamente a Parigi, a Lione e a Marsiglia, a migliaia adunavansi i liberi pensatori, e nel loro seno eleggevano i lor delegati all'Anticoncilio.

Grande fu in tutta Italia l'agitarsi dei giovani, e soprattutto degli studenti, al sapersi dell'Anticoncilio di Napoli, né mancarono le assemblee giovanili e l'ordinamento dei comitati nelle varie città universitarie, ma segnatamente in Napoli, in Bologna e in Pavia, nell'ultima delle quali era eletto a rappresentare la gioventù studiosa l'egregio professor Lazzarini.

Il comitato giovanile bolognese venia preseduto da Domenico Rossi, e quello di Napoli da Tommaso Senisi. Nell'anniversario del 5 maggio mi sarà caro sapere, che tutti gli studenti d'Italia hanno dichiarato guerra al Papato, e contribuito a rovesciare nel fango quel nuovo consesso diabolico, che si chiama concilio ecumenico. Lunga lettera scriveva poi Giuseppe Ferrari, in risposta a quella inviatagli da un centinaio circa degli studenti di Napoli.

I quali poi, adunatisi in assemblea, elesser fra loro i seguenti, quai delegati ali'Anticoncilio: Io spero di più: Il gran maestro effettivo del Grande Oriente di Firenze invece, in data dei 17 ottobre, diramava questa circolare, che venne anco riprodotta da varii giornali: Ai presidenti delle officine massoniche in Italia. Noi avremmo giudicato che il miglior contegno a tenersi, per parte dei liberi pensatori, rimpetto a simile antiquata rappresentazione, si fosse di non darsene neppure per intesi.

Tale condotta a seguirsi ne additava il buon senso delle popolazioni profondamente indifferenti, le quali sembrano dirci: Naples, 22 septembre In attesa di un cenno di riscontro, vi prego di gradire, carissimi fratelli, il cordiale Massonico saluto Firenze, 17 ottobre E il nome di Giuseppe Ricciardi mi è oggi particolarmente caro per la sua esemplarissima sincerità, virtù tanto rara oggi, che la viltà delle utili reticenze e l'infamia delle prudenti dissimulazioni sembra divenuto il primo articolo del codice dell'umana condotta, anche presso certi partiti che non discendono dai Padri Gesuiti.

Su questo punto, in questa formula quale specie di conciliazione potrà seguire? Non quella malvacea e bastarda, che sola i Liberi Muratori avrebbero diritto di deplorare e combattere, tra gli schiavi inconseguenti della dittatura spirituale di Roma e i liberi seguaci della ragione: Canestrini; tra la marchesa Florenzi e Ausonio Franchi, tra F.

Di questo accordo determinato e preciso sull'unico punto, che tutti gli separa da Roma e li costituisce suoi irreconciliabili nemici, fra uomini diversi di pensamento, d'ingegno e di studii, chi ha ragione di scandalizzarsi? Io lo domando al suo cuore retto e al suo ingegno limpido; chi, logicamente, potrebbe pigliarne argomento di riso e di dileggio? Non i Liberi Muratori, i quali offrono la medesima varietà, e la stessa concordia nel tempo stesso, d'intenti, di affetti e di opere.

Solo i satelliti di Roma hanno ragione di scandalizzarsi; perché essi soli rinfacciano alla ragione umana e cercano di confonderla e di umiliarla additandole lo spettacolo dell'immensa varietà di dottrine e delle lotte continue, che si svolgono in seno alla grande famiglia dei filosofi e delle intelligenze emancipate dal prete.

A noi questa varietà e queste lotte di sistemi e di opinioni sono argomento di gioia e di conforto: Di guisa che, se io non mi maravigliai punto all'udire che i giornali avversi all'Anti-Concilio si compiacessero nel presagio gentile che sarebbe stato una Babele, e avrebbero i liberi pensatori rinnovato in Napoli la confusione biblica delle lingue, le confesso che mi meraviglio altamente nel trovare nelle sue lettere l'espressione di un augurio o di un timore diametralmente opposto.

Ella dice che nel cospetto del Concilio Ecumenico il migliore consiglio per i nemici di Roma sarebbe stato la noncuranza e il dispregio. Sarebbe di certo ottimo partito quello del silenzio e del non ragioniam di lor, ma guarda e passa, ma ad una semplice condizione; che ci si provi prima come col tacere e col passare oltre si riesca a far tacere e passare oltre, quasi nuvole davanti al soffio del vento, i problemi sociali, politici, morali e religiosi, che il Concilio Romano agiterà e risolverà a modo suo d'innanzi a milioni d'Italiani e di uomini, che vedono e sentono in quei problemi agitarsi il destino della loro anima, della loro casa, del loro onore, della loro felicità.

I problemi che in Roma si discuteranno, voi non potete sopprimerli; perché stanno all'ordine del giorno in ogni famiglia, in ogni città, in ogni villaggio, in ogni animo, in ogni parlamento, in ogni coscienza.

E voi credete, voi rappresentanti della più vasta associazione che sia mai sorta a disputare al Genio del male e allo spirito delle tenebre l'impero del mondo, rispondere alla solenne e ascoltata e temuta voce del Vaticano colla muta maestà del dispregio! Io trovo più savio, provvido, opportuno e degno della libera Ragione, educatrice del popolo all'odio della menzogna e al culto del Vero, il disegno di Giuseppe Ricciardi. Vero è che voi altri promettete un'azione seria e positiva contro la superstizione; ed ella sa, signor deputato, quanto i miei voti l'aspettino.

Ben venga questo nuovo piano di campagna contro i nemici della Ragione, della Luce, del Diritto, ma, intanto, perché non volgere tutti gli sforzi dei generosi al fine di rendere la dimostrazione deil'Anti-Condlio tanto importante, solenne, unanime, decorosa, autorevole, e grata alle popolazioni, quanto nella misura delle facoltà nostre possiamo?

Perché dare alla setta clericale e ai dottrinarii, soliti a deridere ogni moto, ogni segno di spontaneità popolare, ogni azione magnanima e disinteressata per la rigenerazione religiosa del mondo, lo spettacolo delle nostre discordie e degli scambievoli nostri dispetti?

Per parte mia dichiaro di sentir crescere in me lo zelo e di raddoppiare gli sforzi e la sollecitudine per la buona riuscita dell'Anti-Condlio: Ancona, ai 21 ottobre del Napoli, ai 26 ottobre del II Frapolli non seppe vedere l'alta importanza del fatto da me promosso, il quale poi avrebbe assunto mirabili proporzioni, se tutta quanta la Massoneria lo avesse assecondato, cogliendo quella preziosa occasione a trasformarsi radicalmente, col rinunziare ai simboli, ai riti, alle prove, ridicoli avanzi del medio evo, ma soprattutto al mistero, di cui s'è circondata finora, ed il quale, utilissimo, indispensabile in tempi, in cui il dispotismo predominava per ogni dove, è affatto inutile di presente, che anzi, la principal forza morale oggigiorno stando nell'opinione pubblica, potentissimo aiuto fra tutti è quello della pubblicità.

Pessima fu l'impressione prodotta dalla lettera del Frapolli, e non che fra le logge stesse, da lui dipendenti, aderirono all' Anticoncilio, mentre le dissidenti affrettaronsi a mandare la loro adesione e ad eleggere i lor delegati.

Une importance plus considérable, que l'on ne croit généralement, doit étre attribuée, selon nous, au concile oecuménique que l'on prépare a Rome pour le 8 décembre prochain. Nous croyons méme qu'il pourrait en résulter quelque danger pour la grande cause de la civilisation, de la liberté et du progrès, si leurs amis les plus ardents ne s'empressaient d'aviser.

Nous sommes confirmés dans ces craintes, en voyant la joie qui anime déjà le clergé et ses nombreaux adhérents, armée immense, d'autant plus formidable qu'elle suit aveuglément les ordres. Or, quel autre moyen pourrions-nous employer contre ces nouveaux efforts de l'ancien et implacable ennemi de toute liberté, sinon une ligue aussi compacte, aussi vaste, aussi active, que celle qu'il s'agit de combattre, a savoir la sainte ligue des libres penseurs de tous les peuples, opposant a la foi aveugle, sur laquelle le catholicisme est fondé, le grand principe du livre examen, et le grand fait d'une propagande sans entraves?

Mais où et quand devra se réunir cette ligue généreuse de l'esprit moderne contre la vieille barbarie? Quant au lieu de la réunion, c'est Naples qu'il faut choisir, Naples qui n'est pas seulement la ville la plus rapprochée de Rome, la plus importante de la Péninsule, et la troisième de l'Europe, mais encore celle qui eut la gioire de s'opposer sans cesse aux prétentions et aux empiétements de la Cour de Rome, après avoir, dans les jours les plus sombres du moyen àge, et alors méme qu'elle etait une province de l'Espagne, repoussé constamment et énergiquement cet infame tribunal de l'Inquisition, que ses dominateurs subirent en silence pendant plus de trois siècles!

Quant a l'époque, on ne saurait mieux la fixer qu'au jour méme, où doit se réunir a Rome le concile convoqué par Pie IX. Que l'on voie, le 8 décembre , dans les deux villes principales de l'Italie, autel dressé contre autel, l'autel de raison et de la vérité contre celui de l'aveuglement et du mensonge, ce qui veut dire que nous n'opposerons pas un nouveau crédo a celui que Rome patronne, car on pourrait nous accuser de vouloir substituer une nouvelle imposture a l'ancienne, mais, tout en affirmant notre respect du principe de la liberté de conscience, nous invoquerons uniquement les dogmes immuables de la morale, de cette morale que l'on ne fait pas découler de tel ou tel système de théologie, mais qui est fondée exclusivement sur la raison et le bon sens de tout homme reste libre de l'influence délétère du clergé.

Nous devons dire toutefois qu'une simple profession de foi morale ne nous paraitrait pas suffisante dans notre nouvelle lutte contre nos ennemis séculaires. Il faut que nos paroles soient suivies d'actes tels, qu'ils prouvent a la fois la noblesse de nos intentions et l'utilité pratique des nos idées. En ce qui concerne l'instruction, et particulièrement l'instruction primaire, pain de l'àme tout aussi nécessaire que celui du corps, l'association devra s'efforcer d'y faire participer tout le monde.

Telle est, a nostre sens, l'oeuvre a laquelle nous devons mettre la main, oeuvre doublement bienfaisante, et qui équivaudra a coup sua la plus terrible guerre qu'il soit pos'sible de faire au pape et a la papauté, car nous aurons le droit de leur dire: Nous prions en méme temps tous les journaux véritablement dévoués a la civilisation, a la liberté et au progrès de reproduire en entier cet écrit. Les lettres devront étre adressés au soussigné, Riviera di Chiaia n.

Ceux qui ne seront pas a méme de se rendre a Naples personnellement, pour le 8 décembre prochain, pourront se faire représenter par un délégué, ou se borner a envoyer leur lettre d'adhésion, dont il sera donné lecture a l'assemblèe dans la séance d'ouverture. Naples, le 15 mars Pour le Comité provisoire, J. Aussi, il ne sera pas inutile, pour répondre aux différentes objections, et pour dissiper tous les doutes, de bien préciser, des a présent, la question principale qui devra étre débattue et résolue dans l'assemblèe du 8 decembre prochain.

Et, a cet effet, nous proposerons l'organisation d'une association internationale, ayant pour but general une guerre incessante aux deux causes principales de tous les maux du genre humain, la misere et l'ignorance, et pour but special la destruction de la papauté, soutien dans le monde de tout ce qu'il renferme de suranné et d'anti-social. Voici maintenant l'ordre du jour de la séance d'ouverture: Compte-rendu du Comité provisoire, et lecture des principales lettres l'adhésion; 3.

Appel nominal, et enregistrement des membres présents; 4. Election du Comité central définitif. Le billets d'admission a l'assemblèe de Naples seront délivrés dans les premiers jours de novembre.

Napoli, le 22 septembre Fra le donne d'oltralpe, mi basterà nominare tre sole, la signora Legros, di Lione, più nota sotto il suo nome di guerra di Sorgel, autrice di parecchi bellissimi scritti, uno fra i quali intitolato: Se molto da valutarsi son le adesioni del sesso forte, d'assai più preziose vanno tenute per certo quelle del sesso gentile, vano essendo sperare il trionfo della verità e della ragione, finché la metà del genere umano continui ad essere affatto ligia di quelli, che diconsi ministri di Dio, mentre non son che impostori e naturali alleati di tutte le tirannie.

Non poco, da qualche tempo, si parla nel mondo dell'emancipazion della donna, alla quale si voglion concessi gli stessi diritti che ha l'uomo, e sta bene; ma in che le sue condizioni morali sarebbero migliorate dall'acquisto di tali diritti se prima un ben altro giogo la donna non si facesse ad iscuotere, vale a dir quello della superstizione e del prete?

Il qual ultimo poi sarà padrone della società tutta quanta, finché avrà l'anima della donna, anima ella stessa della famiglia. Di grande importanza essendo l'assicurare all'Anticoncilio una sede bene adatta, fin dalla state del , si attese alacremente da me a rinvenire un locale da poter rispondere all'uopo; ma, chi il crederebbe?

Due riunioni preparatorie ebbero luogo prima in mia casa, nelle sere dei 13 e 20 novembre, alle quali intervennero, oltre i membri del Comitato provvisorio, di cui accennai nella prefazione, i deputati generale d'Ayala e Giuseppe Romano, il professore Gennaro Barbarisi, di cui Napoli ha non ha guari patito l'amara perdita, il Cav.

In queste due riunioni fermaronsi i modi da doversi tenere pel buon andamento dell'Anticoncilio, non che l'ordine del giorno diffinitivo della sua prima seduta, il quale veniva diffuso a migliaia di copie, con allato la traduzione in francese. Ordine del giorno della prima seduta. Contoreso del Comitato provvisorio, e lettura delle principali lettere di adesione; 3. Appello nominale ed iscrizione degl'intervenuti.

Nelle susseguenti tornate saranno sottoposte all'assemblea le seguenti quistioni: Della libertà religiosa e dei modi più acconci a renderla piena e sicura; 2. Della separazione compiuta fra la Chiesa e lo Stato; 3. Della necessità d'una morale indipendente dalle credenze religiose; 4. A quest'ultima discussione terrà dietro l'elezione d'un Comitato centrale diffinitivo.

Pel Comitato provvisorio, G. Poco stante sopraggiungevano il dottor Ludeking, tedesco dimorante ab antico negli Stati Uniti d'America, e con esso lui il Daniel ed il Peebles, il primo corrispondente d'uno dei primarii giornali di Nuova York, il New-York Herald l'altro console americano a Trebisonda.

Arrivavano pure l'Obary e Giorgio Nagy, delegati ungheresi, Maurer Bela e Federico Krasser, delegati di Transilvania, Luigi Ulhich e Giovanni Ronge, rappresentanti le comunità libere di Germania, il dottor Zimmermann, delegato di Stiria, il deputato spagnuolo Suner y Capdevila, Vittorio Arnould, delegato belga, Lecherbonnier, rappresentante la loggia massonica d'Issoudun, detta la Gaulotse, ed ultimi i delegati di Parigi, Marsiglia e Lione, che anzi il Regnard, di Parigi, e il Leballeur-Villiers, di Marsiglia, non giunsero che durante la prima seduta dell'Anticoncilio, e quei di Lione, per nome Crozat e Andrieux, dopo lo scioglimento dell'assemblea.

Dei delegati italiani sarà fatta menzione speciale nell'appendice. Napoli, ai 19 novembre del Dalle non poche lettere, scrittemi a tale proposito in questi giorni, rilevo che grandi assemblee popolari avranno luogo a Palermo, Catania, Salerno, Aquila, Foggia, Ancona, Parma, Venezia, Verona, Brescia, Treviso.

A me sembra altamente desiderabile e Garibaldi è affatto del mio parere che in ogni cantuccio d'Italia il popolo si mostri più che mai vivo in quel giorno, cogliendo il destro, che gli offrono i suoi stessi nemici, ad un plebiscito novello in favore dell'unità nazionale e del sacro principio di libertà.

Quanto alla risoluzione da venire volata nelle cento assemblee popolari della Penisola, io credo che accennare dovrebbe a queste tre idee: Nessuno è che non vegga di quanta mole m faccia al mondo sarebbe una manifestazione di cotal genere fatta simultaneamente in tutta quanta l'Italia, ed il come potesse riuscire assai buona risposta a chi accusa di profonda apatia gl'italiani, e degni li chiama delle condizioni infelici in cui trovansi, ad onta della stupenda rivoluzione del Nel qual giorno e nel susseguente mi giunsero più di trenta telegrammi, di cui feci dare lettura all'Anticoncilio, ed i quali si troveran registrati nell'appendice.

Una delle più importanti fra tali riunioni fu quella ch'ebbe luogo in Loreto, cioè là dove sorge uno dei più celebri monumenti della superstizione cattolica. Ed ecco le deliberazioni approvate all'unanimità dall'adunanza, la quale sarebbe stata più numerosa senza il cattivo tempo, ed incui nondimeno trovaronsi, oltre molti cittadini di Loreto e la Società Operaia in corpo, circa trecento cittadini, rappresentanti le Associazioni liberali delle Marche.

Un'ultima sfida insensata indiritta veniva da Roma papale alla Libertà, alla Scienza, alla Civiltà, e noi, teneri soprammodo di questi preziosissimi beni, l'abbiamo lietamente raccolta, ed ora alle voci della menzogna e della superstizione quelle verremo opponendo della verità e del sapere. Né dicasi che numerosi non siamo, massime se si consideri il numero sterminato di quelli che si dicon credenti, perocché, prescindendo dalle difficoltà materiali, che ai più fra i nostri impedirono di qui recarsi, per la natura stessa del nostro invito, non i più, ma sol pochi convenire potevano in questa assemblea, i più fra i nemici di Roma cattolica non essendo nemici, al pari di noi, di qualsivoglia superstizione.

Una moltitudine immensa sarebbe qui convenuta, se a tutte le sette, in cui si divide il protestantesimo, avessimo detto: Gli è questo l'unico modo di combattere, anzi di vincere la gran prova. Pur troppo divisi finora ci vide il mondo in faccia a un nemico unitissimo.

Ma noi non malediciamo a nessuno, neppure al papa; ma noi, adoratori della libertà fino agli ultimi limiti del possibile, tollerantissimi siamo delle credenze altrui, armi non altre lecite reputando contro l'errore, che il ragionamento e la persuasione. E questi, e non altri argomenti userete, o generosi stranieri convenuti fra noi da ogni luogo, nel predicare, tornati appena nei vostri paesi, il nostro nobile credo, fondato, non sopra chimeriche idee, ma sull'amore scambievole, sulla carità continuamente ed efficacemente operosa, sul desiderio ardente del maggior bene dei nostri simili.

Il papato, posto, qual è, proprio nel cuore d'Italia, è simile a cancro, che spegner dobbiamo, se non vogliam che ci spegna! Alla qual opera altissima dobbiamo noi metter mano, e non aver posa, finché il gran fine non sia raggiunto. Ma qui odo farmisi un'obiezione: Alle false credenze patrocinate dal papa, quali nuove credenze abbiamo noi divisato di opporre?

Ed i più non han forse bisogno d'una fede, d'un simbolo qualsivoglia, che appaghi la fantasia, che soddisfi a certi bisogni del cuore, e risponda alle aspirazioni del maggior numero verso l'invisibile e l'infinito? E puossi distruggere un credo, senza surrogargliene un altro? E sarà mai possibile, mercé l'istruzione larghissimamente diffusa, il mutar le nazioni intere in società di filosofi? Da che son uomini al mondo, si è disputato mai sempre vanissimamente su certi capi, cui copre impenetrabile velo, quai, per esempio, sarebbero quelli della causa prima di tutte le cose, degli attributi di questa causa, dell'immortalità o caducità della parte pensante dell'esser nostro, delle cause finali ecc.

E questo sarà l'unico credo, che siavi da noi sottoposto, qual bella e solida base dell'associazione mondiale che abbiamo in animo di fondare. La quale unanimità del fior fiore della nazione in tal congiuntura è per noi chiaro indizio di sorti più liete e gloriose, di quelle che s'ebbe finora l'Italia, le quali non potransi da lei conseguire, se non mediante il conseguimento della Roma, di Roma da lei conquistata sul papa e la superstizione cattolica!

Diedi poscia contezza di quanto dal Comitato operavasi, ad accertare il buon esito dell'Anticoncilio, e delle adesioni infinite, non solo individuali, ma collettive, giuntemi da tutte le parti del mondo, e delle quali il segretario Imbriani leggeva l'elenco, interrotto più volte da alcuni fra i delegati, e in ispecie da Leopoldo Ovary, che un discorso pieno di nobili sensi facevasi a profferire in nome delle molte migliala d'Ungheresi, che lo avean mandato fra noi, ad una con Giorgio Nagy, il qual'ultimo si presentava da me all'assemblea, non che Maurer Bela, venuto col dottor Krasser a rappresentare in Napoli molte migliaia di Transilvani.

Baldassarre Galletti, presidente della società dei liberi pensatori di Palermo, che diè lettura d'una protesta dei razionalisti palermitani contro il Concilio ecumenico e l'occupazione francese del territorio romano. All'enumerazione delle adesioni collettive feci succedere la lettura di alcune fra le innumerevoli lettere da me ricevute, incominciando da questa qui appresso di Garibaldi, al cui solo nome l'assemblea tutta s'era altamente commossa, con applausi frenetici salutandolo.

Caprera, 7 ottobre Io sono della Religione del Vero! Io sono della Religione di Dio! La prima è più conforme all'indole ed all'alta intelligenza del libero pensatore, giacché interamente scevra da ogni involucro mistico.

Furono letti, da ultimo, alcuni documenti venuti dai più lontani paesi, fra cui questa bellissima lettera, inviatami dai liberi pensatori dell'isola della Riunione. Les bommes libres de l'ile de la Réunion aux libres penseurs d'Italie réunis en concile oecuménique liberal a Naples, salut et fraternité. Ile de la Réunion, I. Les soussignés s'associent de coeur et d'intention a l'idèe sociale et humanitaire des hommes libres d'Italie; ils adhérent aux mesures que prendra le Concile oecuménique liberal, qui se tiendra a Naples le 8 décembre , dans le but de faire progresser l'humanité dans la voie de son salut en détruisant la superstition par l'instruction et en affranchissant le travailleur de la misère par tous les moyens légitimes que la science économique et l'expérience auront démontrés efficaces.

Les soussignés applaudissent a l'organisation d'une nouvelle franc-masonnerie federale et libre, agissant en plein jour et dégagée de rites et de cérémonies inutiles, plus propres a faire germer la superstition qu'à la détruire. Mais ils protestent contre toute organisation unitaire qui paralyserait l'action des groupes, en les inféodant a une Loge ou a une Venie centrale autoritaire qui ne se bornerait pas a étre la gardienne du pacte federai, le centre de relation, le trait d'union de tous les groupes fédérés.

Le Secretaire du Comile de la Réunion V. Pria che si procedesse all'appello nominale, riferii le scuse dei deputati non pochi, cui non era stato concesso il venire all'Anticoncilio, poi dissi a coloro, che, qualunque ne fossero le ragioni, non volessero partecipare ai lavori dell'assemblea, ma esserne semplici spettatori, potere significare questa loro intenzione coll'astenersi dal rispondere alla chiamata del loro nome.

Finiva l'appello nominale colla chiamata del dottor Zimmermann, il quale, per altro, non arrivava che la dimane. Non debbo dimenticare aver fatto in quel giorno, finito appena l'appello nominale, le debite lodi del chiaro incisor torinese Giuseppe Giani, il quale, anziché tenere l'invito, fattogli dai partigiani del papa, di coniare una medaglia commemorativa del Concilio romano, una bellissima ne coniava in onore dell'Anticoncilio.

Al di sotto si legge: Ricciardipromotore, Napoli, 8 de-cembre Sul rovescio poi sono incise le seguenti parole: A Roma Pio IX coi vescovi a sancire il sillabo, l'infallibilità del papa, il potere temporale, a Napoli i liberi pensatori contro il fanatismo, l'intolleranza, l'Inquisizioni, convenivano.

Ma qui nacque una discussione, oziosa affatto, appunto sull'ordine del giorno, alcuni opinando doversi trattar subito ad uno ad uno i varii argomenti, e in ispecie quello relativo alla libertà religiosa. E fu allora, che il dottor Testa, chiesta la parola per una mozione d'ordine, propose il differimento d'ogni discussione alla dimane, il quale partito essendo stato approvato, dichiarai sciolta la riunione.

Questi particolari della prima seduta all'Anticoncilio sono stati da me ricavati dal processo verbale dettatene da uno dei segretarii, e firmato da tutti e sei i segretarii, cioè da Tommaso Senisi, Francesco Carusi, Pietro Gatti, Giorgio Imbriani, Benedetto Bordone e Michele Pace.

La seconda seduta dell'Anticoncilio avea luogo la sera dei 10 decembre, alle 8, colla stessa affluenza del giorno prima. Letto e approvato il processo verbale della prima seduta, feci legger la lista dell'opere e degli opuscoli inviati in omaggio all'Anticoncilio vedi l'appendice , poi diedi contezza d'altri telegrammi testé pervenuti alla presidenza, e di varie lettere molto importanti, una delle quali scritta dagl'Italiani di Montevideo America del Sud , un'altra dall'isola di Giava, e una terza da due Israeliti di Mantova, cioè dai fratelli Edoardo e Adolfo Colorni, il primo dei quali diceva non aver voluto far circoncidere un bambinello natogli allora allora.

I quali annunzii venivano accolti con entusiastici applausi. Dichiarai quindi essere stato delegato a rappresentare nell'Anticoncilio non meno di settanta liberi pensatori, fra i quali non poche donne, di cui alcune mi avean fatto premura di non trascurare di far conoscere i loro nomi in occasione dell'appello nominale. Ed a questo, essendosi chiesto un appello speciale delle donne intervenute all'Anticoncilio, uno dei segretarii prese a leggerne l'elenco non breve, e ad ogni risposta delle signore presenti, indescrivibili acclamazioni scoppiavano nella sala.

Si leggeva quindi una lettera di Lecherbonnier, in cui esprimevasi il desiderio di vedere ammessi nell'assemblea quanti operai ne facessero la richiesta, senza essere tenuti a contribuzione alcuna, per sovvenire alle spese dell'Anticoncilio, la quale proposta, dopo breve discussione, veniva approvata. Io vorrei che l'assemblea chiaramente affermasse se stessa, affermando, lo scopo precipuo dell'Anticoncilio consistere nel bandire gli acquisti della scienza, contrarii affatto alla cieca fede e ad ogni superstizione.

Or che affermeremo noi mai, se non l'uomo? La scienza ha negato il soprannaturale e la metafisica; ma negando ha pure affermato, e la sua affermazione è l'uomo. Io mi fo quindi a proporre un emendamento al programma del Comitato, massime quanto al modo in cui le quistioni religiose sono state enunciate.

Nel programma del Comitato si afferma la libertà religiosa. Or'io, a questa formola sostituisco quella di libertà di coscienza, in primo luogo perché essendo la coscienza quella che crea le religioni e le forme politiche e sociali, coll'affermare la libertà di coscienza si affermano l'altre tutte. Riflettasi inoltre che oggi non trattasi della separazione fra la Chiesa e lo Stato, quest'ultimo avendo invaso la prima, in prova di che basterammi citare il fatto dell'incameramento dei beni ecclesiastici.

Ma allora si potrà proclamare la divisione assoluta della Chiesa dallo Stato, quando la prima sia entrata nel diritto comune, essendo ella nell'obbligo di rifarsi cittadina ed umana, prima di potere aspirare ai diritti che da la libertà, e all'emancipazione dallo Stato. II mio emendamento è il seguente: Il Concilio prende a principio la fede, l'Anticoncilio gli contrappone la scienza, ed afferma: Libera coscienza, a cui si rannoda la quistione: A Libero in politica, a cui si rannodano: B Libero nel lavoro.

Istruzione ed educazione obbligatorie. Mezzi per attuare il programma dell'Anticoncilio. Dopo brevi parole del sig. Proposi quindi che ogni oratore non potesse parlare più d'un quarto d'ora, il che essendo stato approvato dall'assemblea, concessi la parola all'avvocato Mora, delegato di parecchie società operaie del Parmigiano, ed il quale si fece a trattare la parte politica della quistione.

Dopo un'esposizione sommaria dei suoi principii, ei dicea sottosopra: Sottentrava all'avvocato Mora l'avvocato Gambuzzi, il quale trattava la parte economica della quistione. Ad emancipar l'uomo, ei diceva, non basta l'esercizio dei diritti civili e politici, ma gli fa d'uopo il libero esercizio dei diritti economici. Surto quindi a parlare Giovanni Pantaleo, opinava non esservi gran divario fra il programma proposto dal Comitato e quello del professore Del Vecchio, solo preferirsi da lui la formola libertà di coscienza a quella di libertà religiosa, perché più comprensiva, secondo lui, sia giuridicamente, sia politicamente, sia moralmente.

Dato bando solenne a tutte le religioni, quali aberrazioni del nostro spirito, veniva a parlare del prete, chiamato da lui proscritto per antonomasia, e le cui catene, se stavan per essere ribadite dal Concilio romano, sarebbero state spezzate dall'Anticoncilio, per modo da vedersi restituito alle dolcezze della famiglia, all'amor della patria e al progresso.

Chiamato poi il papa re degl'inganni, finiva con un saluto a quei preti, che, gittata via la turpe divisa della menzogna e dell'impostura, seppero tramutarsi in liberi cittadini. Cessati gli applausi destati da queste parole, sorgeva a parlare il professor Montalbano, di Palermo, approvando il programma del Comitato, esplicando l'intento dell'Anticoncilio, e dimostrando la preferenza da doversi dare alla formola libertà religiosa, siccome quella che implica la libertà di coscienza.

E qui sorgeva quistione sul modo da doversi tener nel votare, cioè se per appello nominale o per alzati e seduti. Al qual grido l'ispettore Lupi, che si era introdotto nella sala in modo affatto illegale, poiché non entrandosi in essa, che mercé tessera personale, la riunione dovea ritenersi siccome privata, e non pubblica, ricintosi della sciarpa dai tre colori, leggeva le seguenti parole: Del rimanente lasciate la cura al Comitato, e scioglietevi tranquillamente.

Questi due soli fatti individuali non costituendo ragione legale per lo scioglimento dell'Assemblea, i sottoscritti protestano per sé e per le associazioni che rappresentano, contro l'inqualificabile atto, e invitano il Comitato direttivo a far rispettare la legge col riconvocare l'Anticoncilio.

Camillo Fazio - Avv. Galletti - Francesco Carusi - Avv. Napoli, 11 decembre Certo la nostra ferma risoluzione era di perdurar nella via in cui ci eravam messi, continuando l'Anticoncilio; ma la mattina degli 11 decembre, il questore, con illegalità manifesta, faceva intimare all'impresario di S.

Il perché a grandissimo stento potemmo, dopo due riunioni in casa mia, nelle sere degli 11 e 13 decembre, ottenere l'ingresso, nella sera dei 15, nell'albergo di Nuova York, e nella sera dei 15, in quello degli Stati Uniti. Nella riunione tenuta in mia casa la sera degli 11 decembre, eran presenti tutti i delegati stranieri e non pochi italiani, fra cui il professore Giulio Lazzarini, rappresentante la gioventù universitaria di Pavia, giunto allora allora fra noi. Agitati i modi più acconci a poter continuare le sedute dell'Anticoncilio, si discusse il programma, senza potersi venire a conclusione alcuna, massime a causa dei delegati francesi, i quali avrebbero voluto far prevalere le loro idee, non accettate dai più.

In una sala dell'Hotel New-York, questa sera 15 decembre , ore 8 di sera, si sono radunati in adunanza preparatoria i rappresentanti dell'Anticoncilio, signori: Il signor Testa da lettura di una lettera del Presidente Ricciardi, colla quale dice che è dolente di non poter intervenire alla seduta per indisposizione di salute.

Preso atto della lettera, l'adunanza nomina per acclamazione a Presidente di questa seduta il generale Mata. Questi, nell'assumere l'onorevole incarico, ringrazia i rappresentanti di questo attestato di simpatia e di stima; parla in seguito degli ostacoli che s'incontrano per potere riprendere le adunanze definitive, e conclude esprimendo la certezza che in questa seduta si delibererà qualche cosa di veramente pratico.

Ed intanto dice che gli parrebbe conveniente che si nominasse tosto una commissione composta di tre o di cinque membri, la quale, dopo avere esaminati i programmi già conosciuti, presentasse ella stessa un progetto di programma, da sottoporsi alla discussione e votazione della prima adunanza generale; e dà a questa sua proposta un ampio svolgimento.

Su questa proposta si apre discussione, e molti oratori parlano in senso diverso, quindi vien fatta una proposta, formulata dal rappresentante Andrieux in questi termini: Il Comitato sarà incaricato di spedire gl'inviti ai delegati per la prima seduta. Messa ai voti questa proposta, è accettata ad unanimità. Il presidente nomina il Comitato nelle persone dei signori Testa, Senisi e Maneyro. Questo esaurito, si ritorna alla discussione della prima proposta del presidente, cioè della nomina di una commissione per la redazione del programma.

Prendono la parola i rappresentanti Rongc e Ludeking, appoggiando calorosamente la proposta del presidente: La proposta è accettata all'unanimità. Il presidente, d'accordo col delegato Ludeking, propone che la commissione sia composta di cinque delegati di nazionalità diversa. Anche questa proposta è accettata ad unanimità. Si passa alla nomina per ischede segrete del Comitato, e riescono eletti a primo scrutinio i delegati Mata, Ludeking, Regnard e Ovary.

L'assemblea nomina per acclamazione Ricciardi a quinto membro della commissione e a presidente della medesima. Si propone di nominare un sesto membro, da sostituirsi al conte Ricciardi, nel caso in cui continuasse ad essere indisposto, e non potesse prender parte ai lavori della commissione. Si accetta la proposta, e a schede segrete viene nominato il delegato Mora. In sul principio della seduta vennero incaricati dell'uffizio di segretarii i delegati Mora ed Ovary.

Ecco ora l'esposizione sommaria dell'ultima riunione, la quale ebbe luogo, siccome accennai, la sera dei. Ovary deponeva nelle mie mani una nuova adesione collettiva proveniente da Budapest, con firme.

Letto il processo verbale della tornata dei 10 decembre, era approvato dopo alcune osservazioni di Mollica, Carusi, Del Vecchio, Pantaleo e Regnard. Silhianu, delegato rumeno, leggeva un discorso pieno di nobili sensi, salutando l'Italia in nome della Rumenia, i cui liberi pensatori lo delegavano a rappresentarli nell'Anticoncilio. Finita appena la quale, parecchi fra i delegati chiesero facoltà di parlare.

Andrieux, delegato di Lione, diceva accordarsi col delegato di Parigi, quanto alla necessità di proclamar l'ateismo, e chiedeva la nomina d'un nuovo Comitato, collo speciale mandato di formulare un programma, in cui, fra gli altri capi, venisse indicata la separazione fra la Chiesa e lo Stato. Regnard rispondeva maravigliandosi dell'opposizione mossa dal delegato di Lione contro l'uso della forza rivoluzionaria.

E qui citava parecchi esempii dell'intervento della forza da lui invocata, fra cui quello dell'istruzione obbligatoria, riconosciuta indispensabile a distrugger l'errore. La società, soggiungea, avere, al pari, dell'individuo, innanzi ogni cosa il diritto di vivere, e quello di distruggere tutto che possa distruggerla.

Tre punti, ei diceva, aversi a considerare: Quanto al secondo, cioè la proclamazione dell'ateismo, essere indispensabile, siccome espressione del vero, e perché, riconosciuta la scienza quale unica base d'ogni credenza, ne siegue la negazione di Dio, né potersi essere rivoluzionari davvero senza essere atei, e solo per aver rinnegato una tal verità tre rivoluzioni in Francia aver fatto prova infelice.

E qui citava l'esempio del Congresso di Liegi, il quale, considerato dapprima siccome assemblea d'energumeni, non tardava ad essere salutato in Francia siccome la vera espressione di quanti son quivi davvero liberi pensatori.

E, citata la frase del Michelet: La vie du Catholicisme est la morte de la Republique, aggiungeva: L'oratore conchiudea il suo discorso esprimendo la sua maraviglia del dovere difendere la rivoluzione nel paese di Garibaldi, e vantar l'ateismo nella terra ove nacquero Claudio Vanini e Giordano Bruno. Sottentrava al Regnard il general Mata, il quale prendea a propugnare il programma approvato della commissione, programma che limitavasi proclamare l'emancipazione dell'umano intelletto e la sovranità della ragione, astenendosi dal mettere innanzi qualsiasi sistema filosofico.

Qui il professor montalbano chiedea la parola , dicendo avere a parlare, egli Italiano, dopo che aveano più volte parlato i delegati stranieri, al che FerdinandoSwift, delegato di Venezia, sclamava non esservi distinzione da farsi nell'Anticoncilio fra Stranieri e Italiani, i delegati tutti dovendosi considerare siccome fratelli!

Alle quali parole tenevano dietro unanimi applausi. Ovary, cui spettava parlare, diceva approvare in massima le idee di Regnard, ma non poterne accettare la pratica attuazione. Dichiarava associarsi, pel rimanente, alle dottrine esposte dal generai Mata. Dopo alcune parole d'Andrieux, il professore Montalbano si faceva a parlare in favore del programma presentato da Regnard, dicendo esser tempo di proclamar l'ateismo, se non altro per questo, che, ammesso il concetto d'un Dio, bisogna ammettere il culto, e aggiungeva la negazione d'un Dio personale e dell'immortalità dell'anima dover essere le basi del programma dell'Anticoncilio, e la morale sociale indipendente affatto da ogni idea religiosa.

Al Montalbano sottentrava il delegato ungherese Giorgio Nagy, che leggeva un discorso dettato in francese, in cui si faceva a trattar, più che altro, la parte politica della quistione, insistendo in modo speciale sulla necessità di predicar più che mai, e la fratellanza dei popoli, ad onta delle differenze di razza, e l'abolizione degli eserciti permanenti, principale, se pure non unico mezzo di assicurare la felicità del genere umano, coll'allontanare il flagello orribile della guerra.

Qui Regnard chiedea facoltà di parlare per una mozione d'ordine, e subito dopo di lui Leballeur-Villiers, al che Ludeking ed Ulhich sclamavano con isdegno, avere i delegati francesi già parlato abbastanza, e movevasi per uscir dalla sala, alla quale davano infatti le spalle indi a poco, ad onta delle mie vivissime istanze, a fine di trattenerveli. Proposta essendosi la chiusura della discussione, venia rigettata, quindi varii fra i delegati parlavano, cioè Pantaleo, Gambuzzi e Regnard, ad onta dell'impazienza vie sempre crescente dell'assemblea, della quale rendevasi principale interprete Giovanni Ronge, che profferiva in inglese parole molto severe, attenuate da me nel tradurle in francese agli altri delegati dicendo doversi dall'Anticoncilio, anziché discutere se fosse da preferirsi il materialismo allo spiritualismo, o questo a quello, venire ad atti pratici e d'utile vero per l'umanità, e riuscire bastante per allora il combattere qualsiasi religion rivelata.

Aggiungea poi non esser venuto a Napoli per ascoltar le lezioni dei delegati francesi. Fra tai dispareri, credetti dover fare un ultimo sforzo a ravvicinar gli animi, e ad ottenere che si venisse a una conclusione, dicendo, fra l'altre cose: La dimane, 17 decembre, i più fra i delegati stranieri si riunivano in casa mia, e firmavano il programma redatto dalla maggioranza della commissione, cui apposero quindi le loro firme Eugenio Solferini, di Trieste, Ferdinando Swift, di Venezia, Lacherbonnier, d'Issoudun, ed il cav.

Nunes Vais, delegato della colonia europea di Tunisi. Nel tempo stesso una solenne protesta veniva fuori, in nome del Comitato provvisorio. I quai documenti, non che il programma dei liberi pensatori di Parigi, propugnato dal delegato Regnard, riproduciamo qui per intero. Quando una profezia intrappola un intero regno in un inverno senza fine, Anna, valorosa e ottimista, insieme al coraggioso uomo di montagna Kristoff e alla sua renna Sven, intraprende un viaggio epico alla ricerca della sorella Elsa, la Regina delle Mario Luca Bizzarri e Piero Paolo Kessisoglu sono due impiegati di terra di una compagnia di crociere al porto di Napoli.

Sono genovesi e sognano da sempre di avere una barca tutta loro. Paolo è innamoratissimo di Barbara Fatima Trotta , Il leggendario Capitan Harlock, il pirata spaziale che in disaccordo col governo terrestre, insieme ad un manipolo di uomini a bordo della nave spaziale Arcadia, combatte per i diritti dei popoli Il secondo capitolo della trilogia di film tratti da Lo Hobbit, il capolavoro di J.

Arnaldo, Anita e le due gemelle Martina e Federica, ecco la famiglia Nardi. Una tranquilla e normalissima famiglia medio borghese. Una famiglia allargata, come ce ne sono tante oggigiorno, nella quale una coppia di genitori attende per le feste l'arrivo della figlia e del suo misterioso fidanzato; c'è anche un uomo che per la prima volta conosce i figli della sua compagna che Nella sua vita visse, da un punto di vista privilegiato e particolare, i più grandi eventi del nostro tempo, dal movimento per i Ambientato nel seducente mondo di uno dei più sbalorditivi scandali che hanno scosso gli Stati Uniti, American Hustle racconta la storia di un brillante impostore, Irving Rosenfeld Christian Bale , che, insieme alla sua scaltra amante britannica Philomena Lee, ancora adolescente, resta incinta.

Cacciata dalla famiglia, viene mandata al convento di Roscrea. Per ripagare le religiose delle cure che le prestano prima e durante il parto, Philomena lavora nella lavanderia del Dans un spectacle hilarant, Mathieu Madénian nous propose sa vision et son interprétation du monde. En résumé, si vous voulez vous marrer, venez seul, en couple ou en famille: Il y en a pour tout le monde!

Un humour décapant, à découvrir absolument! La mostra avrà i seguenti orari: Ampelio e costeggia tutta Bordighera. Protagonisti sono i due tacchini Reggie e Jake determinati a portare a buon fine una missione del tutto Mamma Stella, infatti, ha già un altro scandalo da affrontare: In parte bizzarro spettacolo, in parte stratagemma intimidatorio Sous le Haut Patronage de S.

Tandis que le soir et le lendemain, se sont joué deux autres représentations exclusivement réservées au public. Sotto l'Alto Patronato di S.

L'associazione ha accolto oltre 4. La sera e l'indomani, due rappresentazioni sono state organizzate per il pubblico. Un magnifico spettacolo che ha raggruppato più di una decina di compagnie di danza, animali, volontari che si sono improvvisati attori, clown, ma soprattutto celebrità come Mario della "Star Academy", Gregoire e Denitsa di "Ballando sotto le stelle" e il nostro eccezionale pagliaccio, "Frankie", che è stato uno dei principali attori di questo musical.

Le Mentonnais revient avec son spectacle! Vendredi 13 et samedi 14 Décembre. Salle Saint-Exupéry à 20h Que peut-on dire de Tano?

Car existe-t-il exercice plus complexe que de décrire l'indescriptible? Depuis sa création en , Le Festival "Angel Film Award" est un Festival indépendant qui défend les films non violents.

Cette année le festival célèbre ses 11 ans!!! It is a well-established independent Art House Cinema event celebrating peace, love and movies! The only film festival in the world that celebrates non-violent film!

This event is known for its elegant networking industry party events. The festival is attended by seasoned industry professionals and distinguished guests.

There are the usual press corps and interview sessions for film directors and film professionals. A specific nomination for screenplay writers from around the world to submit their work script to the annual Angel Film Awards - Monaco International Film Festival - screenplay competition! Welcome to the Angel Film Awards — Monaco International Film Festival and to be part of an amazing worldwide community celebration peace love and the art of making movies and a unique collaboration of multi-talented writers, film score composers and filmmakers, producers and musicians.

The Angel Film Awards mission is to entertain, inform, inspire, encourage and educate. We honour those artists who, through their creative work, actively increase awareness, provide multiple viewpoints, address complex social issues, and strengthen ties between international audiences and the Angel Film Awards. Il y a fort longtemps dans un pays lointain vivaient Aléo et Polly.

Ils avaient pour ami un clown du nom de Frankie. Aléo avait un secret bien gardé, son clown avait le pouvoir de réaliser les rêves des enfants. Ce livre renfermait les rêves les plus chers des enfants de la Terre. Soixante enfants de deux écoles de danse de Monaco et Nice. Les Rêves A réaliser sur scène. Aurélia 16 ans et Christophe 10 ans. Au Pays du Père Noël. Under the High Patronage of H. They had a friend, a clown named Frankie.

Every night, before going to bed, Aleo took this mysterious book , found in the forest of Gotard. This book contained the most exclusive secrets of children 's dreams. This is the story of what happed that Christmas night , when Aleo and his sister went to discover this magical dreamland world And Mario Barravecchia of "Star Academy"!

Grimaldi Forum — Salle des Princes: The association also organizes two free sessions to support sick and needy children of the Paca Region, in the afternoon of Saturday.

La nuova programmazione del Cinema Teatro Ariston di Sanremo: Dopo gli eventi di The Avengers, Thor combatte un'antica razza di Elfi Oscuri guidati dal vendicativo Malekith, che rischia di far precipitare l'universo nel buio Insieme a lui e al suo migliore amico Privo di una famiglia vera e propria, viene inserito in un programma di rieducazione e affidato a Vincenzo, un Quando l'agente della polizia incaricato di occuparsi del caso trova il Purtroppo l'unico caso che non riesce a risolvere è proprio il suo: Nessuna di loro possiede lo Un bambino di dieci anni é costretto a vivere la fine del rapporto tra i suoi genitori ed il conseguente sfascio della famiglia, dopo che la mamma si innamora di un altro uomo Stasera ti porto a cena fuori!

E prepara in terrazza……! La commedia in due atti è stata rappresentata in versione rivisitata , fu infatti il grande Erminio Macario a renderla famosa negli anni Due ore di spettacolo esilarante, intervallato da brevi brani musicali con cambi di scena velocissimi e tante gag. Administration Connexion Créer mon blog. Cannes, la compétion Break The Floor revient nous offrir le meilleur de la danse hip-hop dans cette 8ème édition.

: Sex belle femme stella indépendante paris

WWWPORNO COM ESCORT TAVERNY Nei giorni seguenti, gli spettacoli hanno avuto inizio: Toujours plus nombreux a être séduits par l'ambiance festive et conviviale, découvrez cette année encore les incroyables évolutions techniques et stylistiques du breakdance! Io sento al vivo il dovere di levar su la voce siccome un essere pensante, che reclama la cougar amateur escort vosges parte di dignità. Ricciardi, député au Parlement d'Italie, a Naples. Notre but et nos principes sont les mèmes, et je dois vous déclarer que j'ai applaudi de tout coeur a votre congrès philosophique de Naples. Il congresso di Napoli sarà un ottimo mezzo per far valutare le nostre forze e conoscere le nostre tendenze.
Sex belle femme stella indépendante paris Maman porn escort tours
Sex belle femme stella indépendante paris 112
Nous prions en méme temps tous les journaux véritablement dévoués a la civilisation, a la liberté et au progrès de reproduire en entier cet écrit. Mais par quelles armes la liberté humaine et l'indépendance des nationalités doivent-elles se défendre? Abonnez-vous pour être averti des nouveaux articles publiés. Des battles 4 contre 4 de breakdance et des performances chorégraphiques inédites vous attendent avec une musicalité et une technique qui laissent sans voix Dichiarava associarsi, sex belle femme stella indépendante paris, pel rimanente, alle dottrine esposte dal generai Mata. Cher monsieur, J'avais beaucoup entendu parler de vous, comme d'un des plus vaillants casting amateur wannonce aude de la démocratie et du rationalisme, comme d'un adversaire redoutable de toutes les tyrannies. Il general Garibaldi scrivea come segue al signor Ciottolini, a Firenze. sex belle femme stella indépendante paris

2 Replies to “Sex belle femme stella indépendante paris”

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *